Il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, invia una lettera ai ministri Boccia e Speranza

Le Regioni chiedono al governo di fissare al 18 gennaio la data per la riapertura degli impianti sciistici, invece del 7 gennaio come stabilito dall’ultimo Dpcm. La proposta è contenuta in una lettera inviata dal presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, al ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, e al ministro della Salute, Roberto Speranza. “Allo stato attuale – scrive Bonaccini -, causa anche il recente andamento epidemiologico a livello internazionale che non ha agevolato l’assunzione delle necessarie decisioni, si ritiene non ricorrano le condizioni tali da consentire iniziative e azioni programmabili per permettere l’apertura degli impianti il giorno 7 gennaio“. “Pertanto – si legge -, con senso di responsabilità e al fine di agevolare la validazione delle necessarie linee guida, quale documento indispensabile per l’avvio della stagione invernale, la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha condiviso di sottoporre alle Vostre valutazioni la possibilità di ridefinire la data stabilita al 18 gennaio 2021 per l’apertura degli impianti nelle stazioni e comprensori sciistici agli sciatori amatoriali”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata