Il premier annuncia la rimozione del generale dei carabinieri in pensione: in tv ha ammesso di non aver predisposto un piano per la seconda ondata dell'epidemia

Il governo "caccia" il commissario per la sanità in Calabria Saverio Cotticelli. "Va sostituito con effetto immediato. Anche se il processo di nomina del nuovo commissario prevede un percorso molto articolato, voglio firmare il decreto già nelle prossime ore: i calabresi meritano subito un nuovo commissario pienamente capace di affrontare la complessa e impegnativa sfida della sanità", ha affermato in una nota il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. 
La mossa arriva dopo che il generale dei carabinieri in pensione aveva ammesso, durante un'intervista televisiva, di non aver predisposto un piano di emergenza sanitaria in previsione della seconda ondata dell'epidemia di coronavirus.  

 

Il commissario per la sanità in Calabria Saverio Cotticelli va sostituito con effetto immediato. Anche se il processo di…

Pubblicato da Giuseppe Conte su Sabato 7 novembre 2020

D'accordo con il premier il Movimento 5 Stelle. "Ringraziamo il Presidente Conte per il suo intervento chiaro e immediato rispetto alla necessità di rimuovere il commissario alla sanità della Calabria, Saverio Cotticelli.È indispensabile procedere ad un avvicendamento che consenta di avviare subito un cambio di passo radicale", si legge in un post dei M5S su Facebook.

Fonti del ministero dell'Economia confermano che il commissario ad acta per la sanità della Regione Calabria, Saverio Cotticelli, sta presentando ai ministri Gualtieri e Speranza le proprie dimissioni. La nomina del nuovo commissario avverrà oggi stesso. 

Il Pd: "M5S e Lega chiedano scusa". "Non ci sono alternative all'immediata sostituzione del commissario Cotticelli, alle quali andrebbe allegato un messaggio di scuse ai calabresi da parte del Movimento 5 Stelle e della Lega che lo hanno nominato". Lo dichiara il commissario regionale del Partito Democratico della Calabria Stefano Graziano. "Oggi la priorità è recuperare il tempo aumentando posti letto e terapie intensive – aggiunge l'esponente dem – ma questo vuoto che si è creato tra regione e struttura commissariale è un'offesa a tutti i calabresi, che adesso si ritrovano in zona rossa, rischiando di dover pagare un prezzo altissimo in termini economici, a causa di scelte non prese e una battaglia pregiudiziale alle misure prese dall'attuale governo sia a marzo che oggi". 

All'attacco le opposizioni. "Sul commissario governativo alla Sanità della Calabria Cotticelli sta andando in scena uno spettacolo indecoroso e un ignobile scaricabarile. Oggi il presidente del Consiglio Conte si scandalizza per una nomina che lui stesso ha fatto nel dicembre 2018, insieme all'allora ministro M5S della Salute Grillo, e che ha confermato solo pochi giorni fa. Il M5S, partito della Grillo, prende le distanze, ringrazia Conte e dice che servono "persone all'altezza" per gestire l'emergenza Covid. I grillini dimenticano però che la responsabilità è anche loro e che è stato un loro ministro a sottoscrivere la nomina di Cotticelli". Così la leader di Fdi, Giorgia Meloni, in una nota.

 "La sostituzione di Cotticelli da commissario ad acta della sanità calabrese è un atto dovuto dopo le incredibili ammissioni fatte in tv. Ma non basta un capro espiatorio per chiudere la vicenda: perché a livello centrale nessuno si è accorto della mancanza di qualsiasi piano di rafforzamento delle strutture sanitarie in piena emergenza Covid? E perché nonostante queste gravissime omissioni è arrivata ugualmente la riconferma da parte del governo? I calabresi stanno pagando col lockdown il commissariamento della loro sanità, e Conte non può lavarsi la coscienza chiudendo la stalla quando i buoi sono scappati". Lo afferma in una nota la presidente dei senatori di Forza Italia Anna Maria Bernini. 

Giuseppe Zuccatelli, di Catanzaro, dovrebbe essere il nuovo commissario straordinario per la Sanità in Calabria. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata