L'ufficializzazione dell'accordo è stata data dal presidente federale, Gabriele Gravina

Il commissario tecnico della Nazionale Roberto Mancini ha rinnovato fino al 2026. Lo ha annunciato il presidente federale della Figc, Gabriele Gravina, al termine del Consiglio federale di oggi.

Le parole di Gravina: “Dare continuità lavoro di Mancini era priorità”

“È un investimento della federazione per il futuro, e che dovevamo ai tifosi”, ha dichiarato Gravina che ha poi aggiunto: “È un annuncio sul quale stavamo lavorando da tempo. Sono molto contento perché come Roberto sa, era un obiettivo della Federazione soprattutto per continuare il lavoro. Al di là dei risultati finali credo che c’è alla base un percorso sul quale credo bisogna lavorare e Mancini lo sta portando avanti brillantemente. Dare continuità a questo lavoro era una priorità di questa Figc“.

Il Mancio: “Sono felice, speriamo che il lavoro dia frutti velocemente” 

Accanto al presidente federale, lo stesso allenatore jesino che raggiante ha commentato il rinnovo.  “Sono molto felice, ringrazio la Federazione e il presidente. Per noi credo sia un bellissimo momento, abbiamo allungato il contratto, ci saranno tantissime manifestazioni e stiamo cercando di portare avanti un lavoro iniziato anni fa che oggi sta dando buoni frutti”, ha spiegato il Ct azzurro che ha poi aggiunto: “Abbiamo tanti giovani su cui puntare e quindi la nostra speranza è che questo lavoro che abbiamo iniziato possa dare dei frutti, speriamo molto velocemente”.

Per quanto riguarda gli impegni futuri l’ex allenatore di Inter e Manchester City ha spiegato: “Siamo molto positivi e pensiamo di avere messo insieme un’ottima squadra, ma in queste

POL, UEFA Nations League, Polen vs Italien

Mancini rinnova con l’Italia fino al 2026

competizioni bisogna avere anche un po’ di fortuna. Iniziamo il campionato Europeo pensando di dire la nostra e di costruire ottime squadre per i prossimi mondiali ed Europei”.

“Con il presidente ci siamo trovati insieme in questi due anni, le cose sono sempre migliorate e possono migliorare ancora. Non ci sarebbe stato motivi per lasciarci. L’obiettivo è ovviamente riuscire a vincere. Sarebbe non giusti lasciarci e credo che l’idea fosse la stessa del presidente“, ha sottolineato ancora l’ex fantasista che ha poi concluso: “Mi piacerebbe continuare questo lavoro iniziato tre anni fa, e lasciare qualcosa di importante, in un anno con Europei, Nations League e mondiale, speriamo di riuscire a vincere. La Nazionale è stato presa di esempio per il gioco espresso, credo che su questo si debba continuare”.

Il percorso di Mancini in azzurro

L’allenatore jesino venne nominato ct il 14 maggio del 2018 per il quale incarico aveva deciso di rescindere con lo Zenit. Sostituì il ct ad interim Luigi Di Biagio, che prese il posto di Giampiero Ventura dopo la mancata qualificazione ai mondiali del 2018. L’annuncio del rinnovo del ct arriva nel giorno del trentennale dello scudetto conquistato dalla Sampdoria, con Roberto Mancini e Gianluca Vialli protagonisti.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata