Bianconeri impegnati in Champions League contro la Dinamo Kiev

Non è proprio un buon momento per la Juventus di Andrea Pirlo, fra risultati altalenanti e una rosa che ogni volta che sembra tornata al completo poi perde pezzi fra squalifiche ed infortuni. Alla vigilia della partita di Champions League contro la Dinamo Kiev (ininfluente per la qualificazione), il tecnico riceve due brutte notizie nell’arco di poche ore: prima il nuovo infortunio muscolare che lo priverà ancora del capitano Giorgio Chiellini, poi la squalifica di due giornate in campionato inflitta ad Alvaro Morata che salterà quindi non solo il Derby con il Torino, ma anche la partita con il Genoa. A parziale consolazione, il ritorno contro la Dinamo di Cristiano Ronaldo, Leonardo Bonucci e Merih Demiral.

Intervenuto in conferenza stampa, Pirlo è tornato proprio sull’ultimo mezzo passo falso in quel di Benevento e sulle sue stesse parole nel dopo partita al Vigorito, quando aveva parlato di una squadra “con poca personalità” quando mancano i veterani. “Dopo Benevento ho detto che ci vuole più concentrazione e voglia di portare a casa le partite, anche quando si è avanti nel punteggio. Ne abbiamo parlato e ne siamo coscienti tutti”, ha chiarito il tecnico bianconero. “Preoccupato? Assolutamente no. A Benevento era una partita da vincere, non siamo stati bravi a chiuderla, e poi loro si sono chiusi bene. Ma può capitare, abbiamo analizzato la gara e cercheremo di migliorare”, ha aggiunto. “Quando vinci va tutto bene, quando non lo fai escono problemi che magari nemmeno esistono”, ha poi dichiarato.

Guardando alla partita contro la Dinamo Kiev, Pirlo ha confermato che non è ancora il momento per vedere all’opera un tridente con Ronaldo, Morata e Dybala tutti insieme. “Domani non penso: probabilmente giocherà Morata, mentre Dybala si preparerà per il Derby di sabato”, ha detto Pirlo. Proprio la Joya sarà fondamentale in campionato, visto che Morata salterà anche la gara con il Genoa. A proposito della posizione in campo dell’argentino, Pirlo ha detto ancora: “Dybala spesso si abbassa per giocare più palloni e avere un po’ più di spazio. Lavoriamo sempre insieme sugli spazi che deve occupare, deve giocare facile ed essere in condizioni di essere lucido in fase d’attacco per trovare la giocata vincente”. Tornando sull’undici che scenderà in campo contro la Dinamo Kiev, Pirlo ha annunciato che “Cuadrado e Danilo potrebbero riposare, avendo giocato molto”.

Sarà quindi ancora una Juve diversa quella che affronterà la compagine ucraina, con una difesa che dovrebbe vedere il ritorno da titolare di Demiral e Bonucci al fianco di De Ligt, con Alex Sandro sulla sinistra. A centrocampo Bentancur e Rabiot sembrano favoriti sul brasiliano Arthur mentre Ramsey lo è su McKennie per la trequarti. “Devo dire che per me è stata una grande scoperta. Non è ancora al meglio, ma può ancora crescere: per me e per la squadra è molto importante”, ha detto Pirlo a proposito del giocatore gallese. Sulla fascia destra si giocano una maglia Chiesa e Kulusevski. Proprio sull’esterno svedese, ma allargando il discorso a tutti i giovani in rosa, Pirlo ha concluso: “Kulusevski ha sempre giocato nella stessa posizione, partendo dalla trequarti. Tutti i giovani che sono arrivati hanno fatto lo stesso percorso e sono contento di quello che sta portando”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata