Stephanie Frappart arbitrerà Juventus-Dinamo Kiev. Sara Gama vicepresidente dell'Aic

Il mondo del calcio allarga un po’ di più i propri orizzonti. La partita di mercoledì all’Allianz Stadium tra Juventus e Dinamo Kiev è destinata a entrare nei libri di storia a prescindere dal risultato finale. La gara di Torino infatti verrà arbitrata da Stephanie Frappart, prima donna in assoluto a dirigere una sfida di Champions League maschile. Una svolta epocale per l’Uefa, ma non certo inattesa. Perché la rivoluzione al femminile era già in atto da un paio di anni. Proprio la 36enne francese, che aveva fatto cadere il ‘muro’ già in patria arbitrando in Ligue1, ha poi allargato i propri confini dirigendo la finale di Supercoppa Europea del 2019 tra Liverpool e Chelsea, mentre in autunno le era stato assegnato il match di Europa League tra il Leicester e gli ucraini dello Zorya. Ora, il debutto nella massima competizione europea. Aspettando il prossimo record.

Leicester vs Zorya Luhansk - UEFA Europa League

Leicester vs Zorya Luhansk – UEFA Europa League

Il 30 novembre è destinato a lasciare il segno, in ambito femminile, non solo per l’esordio di Frappart in Champions League. Perché in Italia l’elezione di Umberto Calcagno come successore di Damiano Tommasi alla guida dell’Assocalciatori nel quadriennio 2020-2024 segna un’altra svolta. Insieme all’ex giocatore di Cagliari e Sassuolo Davide Biondini infatti è stata eletta vicepresidente Sara Gama, prima donna a ricoprire questo incarico all’interno dell’Aic. “Complimenti e molti auguri di buon lavoro a Sara Gama, prima donna eletta vice presidente dell’Assocalciatori – ha commentato su Twitter la ministra per le Pari opportunità Elena Bonetti – Un’altra strada che si apre per le donne e libera energie e opportunità #laprimadonna”. Un riconoscimento che per la capitana della Juventus e della nazionale italiana vale ben più di un gol.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata