I festeggiamenti di Capodanno possono essere un vero tormento per chi ha animali domestici. Cani e gatti soffrono molto botti e petardi: la paura può portarli a fuggire di casa, a farsi male o a cacciarsi in situazioni pericolose per loro e per chi sta loro accanto.
Il tema torna al centro delle preoccupazioni dei padroni di cani e gatti ogni Capodanno. È importante garantire la sicurezza dei cuccioli di casa, ma è meglio farlo seguendo i consigli di chi li conosce meglio.

“Sono sempre di più le amministrazioni comunali che vietano i botti perché la sensibilità sul tema è sempre maggiore, ma è una tradizione radicata ed è dura a morire: per questo è meglio correre ai ripari”, spiega il presidente dell’Associazione Nazionale medici veterinari italiani Marco Melosi.

 La cosa più importante è che “il proprietario stia vicino al proprio cane e che il cane senta la vicinanza, ma evitando eccessivi movimenti e carezze perché il rischio è di rafforzare il momento di paura”, spiega Melosi. “Altra cosa importante – prosegue – se il cane dovesse vivere fuori all’aperto, è di tenerlo in casa al riparo perché spesso, se impaurito, potrebbe scappare. Stessa cosa anche se vive in casa perché potrebbe comunque tentare la fuga. A questo proposito potrebbe essere importante creargli una ‘stanza rifugio’, una sorta di comfort zone: se c’è un luogo che preferisce, è cosa ottima lasciarlo andare dove si sente più a suo agio”.

 “I gatti – precisa Melosi – invece se la vedono meglio da soli, ma perché spesso in casa hanno il loro posto preferito dove sentirsi sicuri: anche per loro vale però la regola di non lasciarli uscire perché potrebbero spaventarsi, scappare, attraversare la strada ed essere vittime di incidenti”.

 È anche “utile creare un po’ di musica, un rumore di sottofondo che renda meno evidente quello dei botti, come la televisione o la musica. Altra soluzione è cercare di farlo giocare, invitarlo a fare qualche gioco per aiutarlo a distrarsi” ma “se sappiamo che il nostro cane o animale soffre particolarmente queste situazioni è bene rivolgersi al proprio veterinario che potrebbe dare un rimedio farmacologico”.

 Ad aiutare i proprietari di cani e gatti c’è anche l’Oipa, l’Organizzazione internazionale protezione animali che ha realizzato un decalogo per evitare morti e ferimenti degli amici quattro zampe terrorizzati dall’esplosione di botti e petardi.

Dieci regole utili per alleviare un momento di paura e disagio a chi ci è sempre vicino in ogni momento dell’anno: eccole.

1. Teniamo gli animali il più lontano possibile dai festeggiamenti e dai luoghi in cui i petardi vengono esplosi;
2. Non lasciamoli soli, potrebbero avere reazioni incontrollate e ferirsi. Stiamo loro vicini, mostrandoci tranquilli e cercando di distrarli;
3. Non lasciamoli in giardino. Teniamo in casa o in un luogo protetto gli animali che abitualmente vivono fuori per scongiurare il pericolo di fuga;
4. Teniamo alto il volume di radio o televisione, chiudendo le finestre e le persiane;
5. Lasciamo che si rifugino dove preferiscono, anche se si tratta di un luogo che normalmente è loro vietato;
6. Durante le passeggiate teniamoli al guinzaglio, evitando anche di liberarli nelle aree per gli animali per evitare fughe dettate dalla paura;
7. Facciamo visitare l’animale da un veterinario comportamentalista affinché valuti la possibilità di una terapia di supporto;
8. Evitiamo soluzioni fai da te somministrando tranquillanti, alcuni sono addirittura controindicati e fanno aumentare lo stato fobico;
9. Organizziamo una ‘gita fuori porta’ per trascorrere il Capodanno in luoghi lontani dai centri urbani e dai rumori forti e improvvisi
10. Chiediamo al nostro Comune un’ordinanza contro i botti e sensibilizziamo l’opinione pubblica su quanto questi inutili rumori possano essere dannosi per gli animali domestici e selvatici.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata