Giovedì 28 Dicembre 2017 - 09:30

Turchia, arrestati 38 sospetti Isis: si teme attacco a Capodanno

Tra i fermati alcuni cittadini siriani. L'anno scorso la strage in discoteca a Istanbul

Members of police special forces stand next to their vehicles during a security operation in Diyarbakir

La polizia turca ha arrestato a Bursa, nell'ovest del Paese, 38 persone accusate di far parte dello Stato Islamico. Lo rende noto l'agenzia di stampa Anadolu spiegando che unità speciali antiterrorismo hanno fatto irruzione all'alba in alcune case nei quartieri di Bursa, quarta città della Turchia con 2,9 milioni di abitanti, e nel comune di Inegol, nella stessa provincia.

Tra i fermati, ora sotto interrogatorio, vi sono alcuni cittadini siriani, come confermato da Anadolu.

Nelle ultime settimane la polizia ha intensificato i blitz contro strutture jihadiste in Turchia: solo ieri sono state arrestate 12 persone nella città di Adana. Le autorità temono infatti che l'Isis stia pianificando un attentato in occasione dei festeggiamenti di Capodanno, come avvenuto l'anno scorso a Istanbul.

Come precauzione, la polizia municipale di Istanbul ha vietato qualsiasi celebrazione del nuovo anno in strada nei due quartieri della città più ricchi di movida, tra cui piazza Taksim.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco a Puerto Maldonado per abbracciare gli indigeni

Il Papa contro la cultura machista: "Donne schiave di violenza senza fine"

Nell'incontro con gli indigeni del Perù Bergoglio denuncia una situazione non più tollerabile

Papa Francesco incontra i Popoli Amazzonia nel Coliseo in Perù

Papa dagli Indios in Perù: "Lotto con voi per salvare l'Amazzonia"

Francesco continua il suo viaggio in Sudamerica e incontra i nativi

Trump interviene via video alla marcia anti-aborto a Washington: è la prima volta

Si tratta della prima apparizione pubblica di un presidente alla manifestazione: Reagan e George W. Bush si erano collegati con il corteo ma solo per telefono

Isis, ucciso in Siria il rapper jihadista tedesco Deso Dogg

Nel 2014 la traduttrice dell'Fbi incaricata di controllarlo lo aveva raggiunto nel Paese per sposarlo