Sabato 17 Marzo 2018 - 23:15

Serie A, impresa Spal, Juve fermata sullo 0-0. E Napoli torna a sperare

Stop inaspettato per i bianconeri, che mancano così l'allungo al +7 avanzando a 75 punti

Eroica Spal. I biancoazzurri fermano la corsa della Juventus, interrompendone la striscia di 12 vittorie consecutive, costringendo i bianconeri allo 0-0 al 'Mazza' nell'anticipo della 29/a giornata di Serie A. I bianconeri mancano così l'allungo al +7 avanzando a 75 punti. Il Napoli, qualora battesse domani il Genoa, si riporterebbe a meno 2 dalla vetta. Per un campionato che tornerebbe ad aprirsi proprio nella settimana in cui i campioni d'Italia sembravano vicini, se non a chiuderlo, quantomeno a indirizzarlo. Il pareggio di Ferrara non deve ingannare: gli emiliani hanno eretto un muro diventato sempre più invalicabile con il passare dei minuti per Buffon e compagni, apparsi in debito di ossigeno e mai davvero pericolosi dalle parti di Meret. 

Costretto a rinunciare a Benatia per squalifica, Allegri schiera Rugani accanto a Chiellini, con De Sciglio e Asamoah sugli esterni. La linea mediana, vista l'indisponibilità di Khedira, è formata dal duo Pjanic-Matuidi. Dietro l'unica punta Higuain agiscono Douglas Costa, Dybala e Alex Sandro. Panchina per Mandzukic. Dalla parte opposta Semplici si affida a un 3-5-2 con Antenucci-Paloschi tandem d'attacco. L'avvio aggressivo dei padroni di casa esalta il 'Mazza' e sorprende la Juve. Douglas Costa prova ad accendere la luce al 10' con un'accelerata delle sue, ma Alex Sandro viene chiuso in scivolata da Costa, attentissimo nel ripiegamento. Sul corner seguente Higuain riceve palla al limite dell'area, ma il suo rasoterra è debole e centrale. Poco dopo trama avvolgente dei bianconeri, Dybala ha spazio per calciare ma il suo tiro a giro non prende l'effetto giusto e termina a lato di un metro. Gli emiliani non concedono però varchi ai campioni d'Italia, che faticano a rendersi pericolosi dalle parti di Meret. Gli esterni, tanto Douglas Costa quanto Alex Sandro, non riescono mai a essere innescati, Pjanic viene ingabbiato e soffre la fisicità e la corsa dei centrocampisti della Spal. La Juve ci prova così su palla inattiva, ma la serata è di quelle storte e la punizione di Dybala al 45' finisce di un soffio alta sopra la traversa. 

Nella ripresa chi si aspetta una Juve diversa e con un altro piglio in campo rimane deluso. La manovra ida degli ospiti continua ad essere lenta e prevedibile. Chiellini prova a dare la scossa al 10', affonda per vie centrali e serve Dybala, che calcia di prima mandando la sfera di poco a lato. Allegri percepisce le difficoltà della sua squadra e butta nella mischia Mandzukic per aumentare il peso offensivo dell'attacco. La musica però non cambia e i bianconeri continuano a fare una tremenda fatica davanti. Come se non bastasse i campioni d'Italia perdono per infortunio Giorgio Chiellini (campanello d'allarme in vista della Champions) a dieci minuti dalla fine. L'assedio finale non produce frutti né particolari occasioni. La Juve rallenta, la Spal conferma di essere viva. E il Napoli, dal divano, torna a sorridere.

Loading the player...
Scritto da 
  • Alberto Zanello
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Juventus vs Napoli

Le pagelle di Juve-Napoli. Koulibaly più alto di tutti

Tra i bianconeri si salvano in pochi. Disastro Dybala. Azzurri tutti (tranne Mertens) sopra la sufficienza. Bravi Sarri e Rocchi

Spal - Roma

Serie A, Champions non distrae la Roma: giallorossi calano tris in casa Spal

Successo che rappresenta anche un'iniezione di fiducia in vista dell'attesissimo appuntamento di martedì ad Anfield contro il Liverpool