Domenica 04 Dicembre 2016 - 13:15

Referendum, Piero Pelù protesta al seggio: Matita era cancellabile

Il cantante posta su Facebook la foto del reclamo. E Salvini invita a "non farsi fregare"

Piero Pelù

"La matita che ho usato per votare era cancellabile. Dopo aver provato su un foglio e averlo constatato ho denunciato la cosa al presidente del mio seggio". Lo scrive su Facebook il leader dei Litfiba, Piero Pelù, che posta anche alcune fotografie, nelle quali il segno della matita usato per esprimere la propria preferenza è stato cancellato con una semplice gomma. Il cantante posta anche la foto del reclamo registrato dal presidente del seggio fiorentino in cui ha votato.

La polemica sulle matite inadatte all'uso sta cominciando a crescere sul web. A dare l'allarme è Matteo Salvini che su Facebook scrive: "Cominciano ad arrivare segnalazioni (le prime da Roma e Mantova) di matite elettorali che si possono cancellare con una semplice gomma! Irregolarità che sono state verbalizzate, e in vari casi denunciate a polizia e carabinieri. Se anche nel vostro seggio verificaste irregolarità (potete chiedere una prova al presidente di seggio prima di entrare in cabina), segnalatecelo! Occhi aperti e massima vigilanza! Non facciamoci fregare!". "Non usate matite portate da casa - precisa - biro, pennarelli o altri materiali, ovviamente (invalidereste la scheda!), ma semplicemente verificate la regolarità delle matite del seggio (che dovrebbero, in teoria, essere copiative e dunque non cancellabili)".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Morto a 68 anni il cantautore bolognese Claudio Lolli

Aveva vinto il premio Tenco lo scorso anno. È spirato dopo una lunga malattia

'Respect': come Aretha Franklin lo rese un inno femminista

Solo grazie al suo intervento la canzone divenne l'emblema della lotta per i diritti delle donne. La sua voce, poi, la rese immortale

È morta Aretha Franklin

Musica in lutto, addio Aretha Franklin: si è spenta la Regina del Soul

Le condizioni di salute della cantante si sono aggravate improvvisamente. Era considerata fra i 100 artisti più grandi nella storia