Mercoledì 24 Febbraio 2016 - 10:30

Papa: Ricchezza e potere possono essere strumenti di morte

Nell'udienza generale a San Pietro il Pontefice si scaglia contro l'egoismo e la prepotenza

Papa Francesco

 "La ricchezza e il potere sono realtà che possono essere utili al bene comune, se messe al servizio di tutti con giustizia e carità, ma quando, come troppo spesso accade, vengono vissute con egoismo e prepotenza si trasformano in strumenti di corruzione e morte". Così oggi Papa Francesco durante l'udienza generale del mercoledì in piazza San Pietro. "La storia di Naboth è una storia dei nostri giorni: è la storia dei potenti che per avere più soldi sfruttano i poveri e la gente. E' la storia della tratta delle persone, del lavoro schiavo, della povera gente che lavora in nero o con il minimo per arricchire i potenti, dei politici corrotti che vogliono di più e più e più.  Ecco dove porta l'autorità senza rispetto per la vita e la sete di potere: diventa cupidigia che vuole possedere tutto" ha aggiunto il Pontefice.

"La misericordia divina può guarire le ferite e cambiare la storia". "E' la via maestra che deve essere perseguita, perché è più forte del peccato degli uomini". Lo ha detto Papa Francesco ai fedeli riuniti in piazza San Pietro per l'udienza generale del mercoledì, proseguendo nel ciclo di catechesi sulla misericordia.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

A customer walks out of a KFC restaurant in Shanghai

Kfc e la lotta alla fame: dona il pollo fritto ai poveri

Il fast food, in collaborazione col Banco Aliminetare, è il primo a non buttare le eccedenze

Roma, prima puntata del nuovo ciclo del 'Maurizio Costanzo show'

Rimini, condannato a 10 anni l'ex di Gessica Notaro, sfregiata con l’acido

L'ex miss Romagna ha perso la vista all'occhio sinistro. Eddy Tavares, 29enne originario di Capo Verde, processato con rito abbreviato

Roma, alunno muore nell'Istituto Santa Maria, in Via Tasso

Roma, 13enne si butta dalla finestra a scuola e muore

Si sarebbe suicidato lanciandosi dal secondo piano dell'edificio in via Tasso 141. Avrebbe lasciato anche un biglietto che proverebbe si sia trattato di un gesto estremo

Milano, Primo giorno di foschia autunnale sulla città

Nubi e nebbia: il meteo del 20 e del 21 ottobre

Le previsioni per il fine settimana