Martedì 05 Aprile 2016 - 09:15

Panama Papers, HSBC e Credit Suisse respingono accuse su società offshore

Il ceo dell'istituto svizzero afferma: "Come compagnia, come banca, non tolleriamo strutture per l'evasione fiscale"

Panama Papers, HSBC e Credit Suisse respingono accuse su società offshore

Credit Suisse e HSBC negano di aver utilizzato strutture offshore per aiutare i loro clienti ad aggirare le tasse. I commenti delle due banche globali fanno riferimento ai cosiddetti 'Panama Papers', i documenti trapelati da uno studio legale panamense, specializzato nella creazione di società di comodo, che hanno mostrato il largo uso che molte banche globali fanno di tali strumenti e hanno dato il via a indagini in tutto il mondo.

Il ceo di Credit Suisse, Tidjane Thiam, ha dichiarato: "Come compagnia, come banca, incoraggiamo soltanto l'uso di strutture quando c'è un legittimo scopo economico" e "non tolleriamo strutture per l'evasione fiscale". Ha poi sottolineato che i documenti sono precedenti a una riforma del modello economico dell'istituto. Simile la posizione di un portavoce di HSBC con base a Hong Kong: "Le accuse sono storiche, in alcuni casi risalgono a 20 anni fa, prima delle nostre significative e ben note riforme applicate negli ultimi anni". 

Entrambi gli istituti sono citati nei documenti tra le banche che avrebbero contribuito a costruire complesse strutture per rendere difficile per il fisco tracciare i flussi di denaro, ha riferito il Consorzio internazionale dei giornalisti investigativi (ICIJ) che ha analizzato e diffuso i materiali. Oltre 500 banche, loro sussidiarie e rami hanno registrato circa 15.600 società fantasma attraverso lo studio panamense Mossack Fonseca, dai cui database provengono i documenti, ha riferito il Consorzio. Secondo tali informazioni, la gran maggioranza di tali fatti risale agli anni '90.

E mentre lo scandalo continua ad arricchirsi di dettagli e nuovi sviluppi, la Cina limita la diffusione delle notizie sui Panama Papers. Tra queste ultime, riferiscono i documenti, alcune sono legate alle famiglie del presidente cinese Xi Jinping e ad altri attuali e passati alti esponenti politici del Paese. E se Pechino ha deciso di non rispondere pubblicamente, i media di Stato hanno largamente evitato di diffondere le notizie.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ucciso scrittore giordano, cristiano: era accusato di vilipendio dell'Islam

Giordania, scrittore cristiano ucciso: era accusato di vilipendio Islam

Nahed Hattar era accusato per una vignetta condivisa sui social media ritenuta offensiva

Charlotte, centinaia in marcia per le vie della citta'

Charlotte, polizia pubblica video: ancora dubbi e proteste

Due video in cui si sentono gli spari e si vede Keith Scott cadere a terra non mostrano armi nelle sue mani. Polizia diffonde foto di pistola ritrovata

Spari a Baltimora otto feriti tra cui una bimba di 3 anni

Spari a Baltimora, 8 feriti tra cui bimba di 3 anni

Gli uomini sono fuggiti a piedi e sono armati di fucile e pistole