Lunedì 04 Aprile 2016 - 14:00

Panama Papers, aperta inchiesta. Cremlino: Attacco alla Russia

Scoperta rete offshore dei potenti: tra i nomi coinvolti il presidente russo Putin e Messi. Tra gli italiani Montezemolo

Panama papers, la maxi inchiesta sui conti segreti off-shore

La procura generale di Panama ha annunciato indagini per verificare eventuali reati rivelati dai Panama Papers, i documenti dello studio legale panamense Mossack Fonseca fatti trapelare ieri. Secondo diversi media riuniti nell'International Consortium of Investigative Journalists (ICIJ), molti leader internazionali figurano tra i clienti dello studio legale. Gli 11,5 milioni di documenti relativi a quasi quarant'anni di attività dello studio legale Mosaack Fonseca, specializzato nella gestione di capitali e patrimoni, riportano informazioni su 214mila imprese offshore in oltre 200 Paesi e territori.

CREMLINO: FUGA NOTIZIE VUOL COLPIRE RUSSIA.  "Sebbene Putin non compaia, per noi è chiaro che l'obiettivo principale di questa fuga di notizie è il nostro presidente, soprattutto in vista delle elezioni parlamentari e presidenziali", e "la stabilità politica nel nostro Paese". Lo ha dichiarato il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, facendo riferimento ai contenuti dei cosiddetti Panama Papers.

HONG KONG, SVIZZERA E GB PAESI PIU' ATTIVI. Hong Kong, Svizzera e Regno Unito appaiono come i Paesi più "attivi" nelle operazioni rivelate dai Panama Papers, diffusi dal Consorzio internazionale dei giornalisti investigativi (ICIJ). Secondo tali informazioni, sono più di 1.200 le compagnie svizzereche figurano tra i 14mila banche, studi legali e altri intermediari che avrebbero aiutato a creare società di comodo, sospettate di aver l'obiettivo di occultare fondi e riciclare denaro. Solo Hong Kong e Regno Unito hanno numeri più alti, rispettivamente con 2.200 e 1.900 imprese. (Leggi la scheda completa)

Danno notizia della presunta creazione di migliaia di compagnie di comodo e dell'uso di paradisi fiscali da parte di capi di Stato e governo, politici, celebrità e personaggi noti di tutto il mondo. Si tratta del più grande 'leak' giornalistico della storia, con una quantità di documenti di gran lunga maggiore rispetto a quella divulgata da Wikileaks sui dispacci diplomatici statunitensi. Un membro dello studio legale, Ramon Fonseca Mora, ha dichiarato che la compagnia non ha alcuna responsabilità per le azioni dei suoi clienti e ha sottolineato che non è mai stata incriminata. Ramon Fonseca Mora ha inoltre ammesso che sia avvenuta una intrusione nei database dello studio, parlando però di "un accesso limitato" ai contenuti del sistema e dicendo che essa è sotto controllo. Da gennaio sono intanto in corso indagini sulla relazione tra la società Mossack Fonseca, che ha una rappresentanza in Brasile, e la rete di corruzione legata alla compagnia brasiliana Petrobras.

Loading the player...

Il direttore della società, intervistato da Reuters, ha anche parlato di "una campagna internazionale contro la privacy": "Crediamo che ci sia una campagna internazionale contro la privacy. La privacy è un diritto umano sacro, ma ci sono persone nel mondo che non comprendono che crediamo davvero nella privacy e che continueremo a lavorare in modo che essa possa funzionare".

LONDRA: AGIREMO VELOCEMENTE.  Il governo britannico ha chiesto una copia dei dati trapelati dallo studio legale Mossack Fonseca, per esaminarli e agire "velocemente" nell'eventualità di casi di evasione fiscale. Tra i nomi dei personaggi che sarebbero coinvolti nelle operazioni fiscali offshore c'è anche quello del padre del premier David Cameron, Ian Cameron. La questione è destinata a causare imbarazzo per il primo ministro, noto oppositore dell'evasione ed elusione fiscale.

 

MESSI ALL'ATTACCO.  Leo Messi e il suo staff è pronto a intraprendere azioni legali contro il Consorzio internazionale di giornalisti investigativi (ICIJ) e contro il quotidiano tedesco 'Süddeutsche Zeitung' per le notizie di un suo presunto coinvolgimento nell'inchiesta Panama Papers. Secondo quanto scrive il quotidiano catalano Sport, fonti della famiglia Messi riferiscono che in giornata sarà diffuso un comunicato in cui verrà fatta chiarezza sulla posizione del fuoriclasse argentino del Barcellona. Secondo un'inchiesta pubblicata da 'El Confidencial' e 'La Sexta', Messi avrebbe costituito una società di comodo a Panama successivamente al procedimento giudiziario avviato in Spagna con l'accusa di frode fiscale per 4 milioni di euro.

SPUNTA ANCHE PLATINI. C'è anche il nome del presidente dell'UEFA Michel Platini nella lista di proprietari di società di comodo emerse dal dossier 'Panama Papers'. Secondo il Consorzio di Media che ha pubblicato i dossier, anche Platini si sarebbe appoggiato all'avvocato dello studio panamense Mossack Fonseca per gestire una società di comodo creata ad hoc a Panama nel dicembre 2007. (Leggi la scheda completa).

TANTI GLI ITALIANI. Ci sono anche nomi di imprenditori e personaggi pubblici italiani nei documenti svelati relativi all'uso dei paradisi fiscali per nascondere enormi cifre di denaro. L'Espresso, che ha l'esclusiva per l'Italia, cita tra gli italiani coinvolti Luca di Montezemolo, l'imprenditore Giuseppe Donaldo Nicosia coinvolto in un'inchiesta per truffa con Marcello dell'Utri e il pilota Jarno Trulli (vedi scheda).

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

11 settembre, Congresso boccia veto di Obama sulle cause a Riad

11 settembre, Congresso boccia veto di Obama sulle cause a Riad

La Camera dei Rappresentanti ha votato con 348 contrari al veto e 76 favorevoli,

Siria, Usa stanno valutando delle opzioni non diplomatiche

Siria, Usa stanno valutando delle opzioni non diplomatiche

La decisione dopo la fine del cessate il fuoco

Usa, spari in una scuola: due feriti, fermata una persona

Usa, spari in una scuola: tre feriti, fermato un adolescente

I colpi esplosi in una elementare della Carolina del Sud

Madonna e Katy Perry si spogliano a sostegno di Hillary Clinton

Nude sui social per sostenere la candidata democratica alla Casa Bianca