Mercoledì 29 Giugno 2016 - 08:45

Mafia, scommesse clandestine: indagato vicepresidente Messina Calcio

Sono 24 in tutto le persone raggiunte da un'ordinanza di custodia cautelare

Mafia, scommesse clandestine: indagato vicepresidente Messina Calcio

Polizia e carabinieri di Messina hanno eseguito 24 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di esponenti del clan Giostra: 20 persone sono finite in carcere, tre ai domiciliari e una è stata sottoposta all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Le indagini hanno permesso di accertare le attività illecite nel settore delle scommesse e del gioco d'azzardo, attraverso sistemi telematici non autorizzati. Tra le persone coinvolte c'è anche il nome del vicepresidente del Messina Calcio. I destinatari delle misure cautelari sono tutti ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, concorso esterno in associazione mafiosa, trasferimento fraudolento di valori, estorsione, detenzione illegale di armi, esercizio abusivo di attività di gioco o di scommessa, corse clandestine di cavalli e maltrattamento di animali e altro, aggravati dalle modalità mafiose. L'ordinanza emessa dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Messina ha raggiunto gli indagati in varie province, oltre che a Messina anche a Catania, Enna, Mantova e Cagliari.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Mamma uccide figli a Suzzara in provincia di Mantova

Catania, due anziane sorelle uccise in casa: ipotesi rapina

I corpi trovati nella loro nella loro abitazione di Ramacca messa a soqquadro. Indagano i caraninieri

Processo a carico di Marco Cappato, accusato di aiuto al suicidio per vicenda dj Fabo

Dj Fabo, Cappato: "Era mio dovere aiutarlo a morire"

L'esponente dei Radicali al processo che lo vede imputato per aiuto al suicidio e per aver accompagnato in auto in Svizzera il 40enne milanese

Matteo Renzi visita la Tegim Telethon a Pozzuoli

Malattie rare: oltre 6mila patologie colpiscono 600mila italiani

Sono casi gravi, spesso letali, e spesso non esistono terapie disponibili