Giovedì 03 Novembre 2016 - 18:30

Juventus, Allegri guarda a marzo ma deve svoltare adesso

Nel mercato invernale la dirigenza potrà colmare le lacune che si sono create con i mancati arrivi di Witsel e Matuidi

Juventus, Allegri guarda a marzo ma deve svoltare adesso

C'è un'aria strana intorno alla Juventus. Che è serenamente al comando del campionato, che fatica a esprimersi in Champions League, che (per adesso) non ha ancora saputo rendere per come e per quanto avevano immaginato un po' tutti, dal presidente Andrea Agnelli in giù, quest'estate. Massimiliano Allegri non è la prima volta che antepone il risultato al gioco: "Se abbiamo conquistato 27 punti significa che tanto male non giochiamo", ha detto dopo il secondo pareggio interno in coppa, che è costato la leadership del girone ai bianconeri. "I tornei non si vincono giocando a 100 all'ora a novembre: passiamo il turno e poi pensiamo al resto", ha sottolineato via twitter dopo aver rimasticato i 90 minuti con il Lione, dando appuntamento a marzo allorché la Champions League avrà connotazioni diverse. Qualche settimana fa aveva lanciato un altro tipo di allarme, più o meno questo: se ogni partita dobbiamo vincerla con tre gol di scarto dando spettacolo, non ci siamo...

Il punto è che a fronte del mercato estivo che ha portato a Torino oltre a Gonzalo Higuain anche Miralem Pjanic, Marco Pjaca, Dani Alves e Mehdi Benatia, era/è lecito aspettarsi di più e di meglio. Invece qualcosa non funziona ancora nei meccanismi della Juventus che piace a pochi, persino all'interno dello spogliatoio. Le analisi severe di Buffon, l'autocritica di Evra ne sono la testimonianza, i fischi all'uscita dal campo ieri sera aprono invece uno scenario non drammatico ma reale. E' fuori discussione che la squadra campione d'Italia debba migliorare, probabilmente ha necessità di tornare a essere squadra in tutto e per tutto: così sarà più semplice esibire un gioco che in questo momento si intravede appena.

Allegri, al di là delle parole e dei tweet, sa perfettamente che è giunto al 'turning point', insomma alla svolta: contro il Lione ha esibito il 4-3-1-2, non è vietato immaginare che possa spingersi fino al 4-2-3-1. Però deve essere seguito dai suoi giocatori, in primis da Pjanic, la grande delusione di questa fase iniziale della stagione, poi dagli altri. Il bosniaco è difficilmente inquadrabile: non è un regista, non è un centrocampista puro, non è un attaccante e ieri sera ha faticato pure da trequartista. Cos'è, allora? Senza il suo genio, la Juventus è prevedibile, sfrutta solo le corsie orizzontali, per le verticalizzazioni si affida sempre al lancio dalle retrovie di Bonucci, Higuain alla resa dei conti tocca pochi palloni.

Rimediare si può: aspettando gennaio, più che marzo. Perché al mercato invernale la dirigenza potrà colmare quelle lacune che si sono create con i mancati arrivi di Witsel e Matuidi. Nel frattempo, tocca ad Allegri metterci una pezza.
 

Scritto da 
  • Vittorio Oreggia
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Cristiano Ronaldo esce per salutare

Juve, il giro del mondo di Ronaldo non passerà dagli Stati Uniti

Non andrà in America con la squadra ma dal 30 luglio sarà a disposizione. Ora è già partito per un tour promozionale della Nike in Cina

Ronaldo con la famiglia allo stadio: subito maglia della Juve per Cristiano Jr.

I primi scatti della nuova vita bianconera postati su Twitter

Juventus - Crotone

Fabio Paratici, l'uomo che ha portato CR7 alla Juventus: "Idea folle nata dopo rovesciata allo Stadium"

Un colpo straordinario quello del dirigente, che la Juve ha 'blindato' con un rinnovo triennale per 'sottrarlo' alla tentazione delle tante offerte ricevute da mezza Serie A

Juventus, Cristiano Ronaldo alla Continassa

Ronaldo, primo giorno alla Juventus: "Voglio fare la storia"

E ringrazia la squadra per la possibilità di mettersi di nuovo in gioco