Venerdì 20 Ottobre 2017 - 20:15

Inter, carica Spalletti: A Napoli per vincere. Sarri ministro

Due anni dopo la sfida del San Paolo vede Napoli e Inter a parti invertite

Serie A - Inter Milan vs AC Milan

Le cose cambiano. Due anni fa l'Inter di Mancini perse a Napoli il primato in classifica, a scapito proprio degli uomini di Sarri (2-1 con doppietta di Higuain), e iniziò quella parabola discendente che l'avrebbe portata all'ennesima stagione negativa prologo della separazione con il tecnico jesino dello scorso anno. Due anni dopo la sfida del San Paolo vede Napoli e Inter a parti invertite, con i ragazzi di Sarri primi in classifica e i nerazzurri ad inseguire. Una vittoria degli uomini di Spalletti segnerebbe il sorpasso in classifica, impresa alla quale ad Appiano ci credono eccome. "Il Napoli è uno spot per il calcio, sono forti. Ma noi ci siamo dentro fino al collo, abbiamo le qualità per creare problemi al Napoli e in questa situazione dobbiamo andare a giocarcela, cercare di batterli anche nella loro tana", ha dichiarato Spalletti nella tradizionale conferenza stampa della vigilia.

SQUADRA CHE VINCE NON SI CAMBIA. Il tecnico toscano a Napoli sembra orientato a confermare l'11 che ha vinto il derby con Gagliardini e Vecino in mezzo al campo e Borja Valero nel ruolo di trequartista al fianco di Perisic e Candreva a supportare Icardi. Ancora fermo ai box Brozovic, torna a disposizione Joao Mario che si è allenato con il gruppo dopo la tonsillite che gli ha fatto saltare la sfida al Milan. Il portoghese partirà quasi certamente dalla panchina. In difesa confermato Nagatomo a sinistra, il giapponese sarà ancora una volta preferito a Dalbert. "Qui all'Inter si fa tutto il possibile perché non ci siano rimorsi. Tutta la rosa è di prima qualità per potersi confrontare con le altre squadre - ha detto ancora Spalletti - io sono convinto per quello che ho visto di potermi giocare la partita ad armi pari".

SPALLETTI E LA FORTUNA. Una curiosa statistica dopo le prime otto partite di campionato mostra come l'Inter sia la squadra 'più fortunata in Europa' con ben otto legni colpite dalle squadre avversarie e quasi tutti decisivi ai fini del risultato. E' proprio vero che per vincere serve anche una buona dose di fortuna e su questo Spalletti ci ha anche scherzato su. "Mi danno del fortunato? Beh sicuramente, a partire da quello che mi hanno dato i miei genitori nella mia vita. Di certo ho il vento a favore", ha detto. "Al di là di questi episodi, ancora ne avrete da vedere delle belle: ho più fortuna di quella che si è vista finora", ha aggiunto il tecnico toscano in conferenza stampa.

INTER ICARDI DIPENDENTE E SARRI MINISTRO. Sempre parlando ad Appiano, Spalletti ha negato che la sua Inter è Icardi dipendente anche se ha ricordato: "Per la stampa prima Icardi era un peso e ora è diventato un fattore. Non è affatto così, ci vuole equilibrio nei giudizi: Icardi e la squadra remano nella stessa direzione". Infine il tecnico nerazzurro ha parlato a lungo di Sarri e del lavoro che il tecnico suo conterraneo sta facendo a Napoli. "Sarri è straordinario: sono convinto che se avesse continuato a lavorare in banca sarebbe diventato Ministro dell'Economia per le sue doti", ha scherzato Spalletti. "Sarri ti costringe a fare gli straordinari durante l'allenamento per preparare una partita contro di lui: varia, trova la soluzione per farti male lo stesso e sottometterti alle loro volontà. Dovremo essere quasi perfetti domani per fare risultato", ha concluso. Ora la palla passa al campo, appuntamento domani sera in un San Paolo ribollente.

Scritto da 
  • Antonio Martelli
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

ESP, UEFA CL, Real Madrid vs FC Bayern Muenchen

Inter, il Real non cede: sfuma il sogno Modric

A questo punto solo un incredibile colpo di scena in extremis potrebbe cambiare le carte in tavola

Ore decisive per Modric. Il Real fa muro. Everton scatenato

Oggi l'incontro tra gli agenti del giocatore e Florentino Perez. In casa Napoli la scelta tra i pali è stata fatta: sarà all-in per Guillermo Ochoa

Nainggolan arriva al Coni accolto dai tifosi dell\'Inter

Inter, Nainggolan si ferma: distrazione muscolare alla coscia

Problemi anche per Karamoh, che ha riportato una lieve distorsione al ginocchio destro

Nainggolan a

Inter, Nainggolan alle presentazioni ufficiali: "Ora voglio vincere qualcosa"

Il centrocampista belga ha chiuso col passato: non pensa più alla Roma, nè alla mancata convocazione in Nazionale