Martedì 25 Ottobre 2016 - 17:45

Clinton, donne e messicani: ecco chi ha ricevuto più insulti da Trump

Il New York Times pubblica la lista di tutte le vittime del candidato repubblicano sui social

Clinton, donne e messicani: ecco chi ha ricevuto più insulti da Trump

Da quando ha annunciato la sua candidatura per la presidenza, Donald Trump ha utilizzato Twitter per lanciare insulti agli altri candidati presidenziali, giornalisti, agenzie di stampa, nazioni, cittadini messicani e disabili. Inizia così un nuovo articolo del New York Times che ha deciso di pubblicare l'elenco di tutte le vittime del candidato repubblicano sui social. Un totale di 281 messaggi in cui la più bersagliata è indubbiamente la rivale democratica, Hillary Clinton, definita più volte 'disonesta', 'la persona più corrotta che abbia corso per la presidenza', 'incapace', 'bugiarda'.

Ad aver ricevuto gli strali di Trump compaiono anche il presidente Barack Obama, le donne, sindaci (compreso il primo cittadino di New York, Bill de Blasio), cittadini messicani, disabili, governatori, giornalisti, lo stesso New York Times che si è schierato apertamente a favore di Clinton. Addirittura compaiono insulti ad Angela Merkel (che sta "rovinando la Germania") ad attori come Alec Baldwin, agli stessi candidati repubblicani alla Casa Bianca durante le primarie come Jeb Bush, Ben Carson, Ted Cruz.

Il magnate ha attaccato anche Paese come il Messico, la Cina, l'Iran, l'Arabia Saudita, il Regno Unito che "si sforza di nascondere il suo enorme problema con musulmani". Attacchi anche ai grandi magazzini, alla lega di baseball, a un leggìo dello studio Ovale.

Infine, lunghissima la lista degli insulti ai quotidiani tra cui prevale il New York Times seguito dal Washington Post, Politico, Usa Today, il Wall Street Journal, Vanity Fair.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Messico, i giorni dopo il terremoto

Messico, tre italiani scomparsi: inchiesta su poliziotti Tecalitlan

Si tratta di un sessantenne, di suo figlio di 25 anni e di suo nipote di 29 anni: i parenti non hanno loro notizie dal 31 gennaio

Prima del film Suburbicon a Los Angeles

Clooney donano 500mila dollari per la manifestazione contro le armi

L'attore e la moglie aiutano a finanziare il corteo del 24 marzo a Washington, organizzato dopo la sparatoria nel college in Florida in cui sono morte 17 persone

Trump parla alla Nazione dopo la sparatoria in Florida

La Cnn contro Trump: "Golf e Twitter durante funerali in Florida"

Il duro editoriale dell'anchorman Anderson Cooper: "Due famiglie hanno seppellito i loro figli. Nessuna menzione nei suoi tweet"

Corea oltre le Olimpiadi, viaggio al confine tra Nord e Sud: "Ripartiamo dalla bandiera unita"

Nella zona demilitarizzata si respira ibisco e tensione, tra chi vorrebbe l'unità e chi ne ha paura