Venerdì 02 Settembre 2016 - 12:00

Charlie Hebdo, vignetta irride vittime del terremoto italiano

"Terremoto all'italiana: penne al sugo di pomodoro, penne gratinate, lasagne"

Charlie Hebdo, vignetta irride vittime del terremoto italiano

Il settimanale francese Charlie Hebdo ha pubblicato una vignetta dedicata al terremoto che ha colpito, dieci giorni fa, l'Italia. 'Sisma all'italiana: penne al pomodoro, penne al gratin, lasagne' è la didascalia a corredo di un disegno che mostra due superstiti insaguinati e feriti, accostati rispettivamente alle penne al pomodoro (il sangue) e al gratin (le ferite), e una pila di morti sepolti da macerie, in un'immagine che ricorda gli strati delle lasagne. La vignetta, apparso sul numero in edicola e firmata dal vignettista Felix, ha scatenato polemiche sui social network. Su Twitter c'è già chi pubblica l'immagine a fianco della scritta 'Io non sono Charlie', riprendendo e rivedendo lo slogan 'Je suis Charlie' che era stato usato in solidarietà all'attacco terroristico che colpì la redazione del settimanale a Parigi, il 7 gennaio 2015, in cui furono uccise 12 persone.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Terremoto, Trudeau vicino al dolore dei cittadini di Amatrice

Terremoto, Trudeau vicino al dolore dei cittadini di Amatrice

Il premier canadese è arrivato in elicottero con la moglie Sophie il ministro dell'Interno Angelino Alfano

Terremoto,  premier canadese Trudeau commosso a Amatrice

Terremoto, premier canadese Trudeau commosso a Amatrice

Il premier e la moglie hanno deposto un mazzo di fiori nella zona rossa

Amatrice, il premier canadese Trudeau nella zona rossa

Terremoto, il premier canadese Justin Trudeau vista la zona rossa di Amatrice

A accoglierlo il sindaco Pirozzi che ha stilato una "lista nera" di chi non lavora a ricostruzione

Napoli, in porto nave con oltre 1400 migranti a bordo

Napoli, in porto nave con oltre 1400 migranti a bordo

I profughi erano a bordo della nave Prudence di Medici Senza Frontiere