Sabato 11 Novembre 2017 - 20:30

Catalogna, 750mila in corteo a Barcellona: "Liberare prigionieri politici"

Intanto a Valencia in 15mila hanno manifestato per l'unità con la Spagna

Organizzazioni pro-indipendenza ANC e Omnium Cultural in corteo a Barcellona

Sono 750mila le persone scese in strada a Barcellona per chiedere la liberazione degli otto ex ministri catalani destituiti e degli indipendentisti Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, noti come 'Due Jordi', leader delle organizzazioni Asamblea nacional catalana (Anc) e Omnium, che avevano organizzato il corteo. Lo riferisce la Guardia urbana, come riportano i media locali. 

La marcia, per la quale le organizzazioni sovraniste hanno noleggiato oltre 900 furgoni provenienti da diverse parti della Catalogna, si è tenuta lungo la Calle Marina, luogo insolito per un corteo, che passa davanti a luoghi emblematici come la Sagrada Familia e arriva in pratica fino al lungomare. In testa al corteo, aperto da volti noti del sovranismo e familiari dei dirigenti in carcere, ci sono due striscioni sui quali si legge: 'Libertà ai prigionieri politici' e 'Siamo repubblica'.

Alla manifestazione, convocata da Anc e Omnium per le 17, sono stati intonati slogan come 'Puigdemont, nostro presidente' e 'Libertà ai prigionieri politici'. Sui cartelli si legge anche: 'Basta umiliazioni, basta bugie', 'Esigiamo rispetto e dignità', 'Uniti più che mai difenderemo il nostro governo legittimo' e 'SOS Democrazia'. 

E mentre a Barcellona sfilava l'orgoglio indipendentista, a Valencia circa 15mila persone hanno manifestato per le strade del centro a favore dell'unità della Spagna e contro il "nazionalismo catalano". A fornire la stima dei partecipanti sono fonti della delegazione del governo. La protesta, che si è svolta senza incidenti, era organizzata dalla Federazione coordinatrice degli enti culturali del regno di Valencia (Fcecrv). Con lo slogan 'Siamo valenziani. Siamo spagnoli. No ai Paesi catalani', la manifestazione è cominciata intorno alle 11 di mattina a plaza de España e si è poi conclusa a Plaza de America.

Loading the player...
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

U.S.-NEW YORK-UNICEF-JUSTIN FORSYTH

Unicef, molestie a colleghe: si dimette il vice direttore

I comportamenti inappropriati risalgono a quando Justin Forsyth era il numero uno di Save The Children

Bruxelles, la conferenza stampa di Jean Claude Juncker

Elezioni, Juncker: "In Italia pronti a un governo non operativo"

L'allarme del presidente della Commissione Europea

Siria, bombardamenti contro le roccaforti ribelli

Siria, almeno 13 morti in bombardamenti su Goutha

Negli scorsi giorni i morti civili sono stati circa 335, di cui oltre 65 bambini