Martedì 20 Dicembre 2016 - 20:15

Campidoglio, revisori bocciano il bilancio della giunta Raggi

Opposizioni in rivolta

Campidoglio, revisori bocciano il bilancio della giunta Raggi

Una nuova tegola si abbatte sulla giunta guidata da Virginia Raggi. L'Oref, organo di revisione economico-finanziaria del Campidoglio, ha dato parere negativo al bilancio di previsione 2017 presentato dall'amministrazione pentastellata. L'annuncio l'ha dato in aula il presidente del Consiglio comunale, Marcello De Vito, dopo 4 ore di sospensione dei lavori. Un flop, dunque, la seduta odierna, i cui lavori sono stati sospesi ma di fatto non sono mai iniziati. Al secondo appello l'assemblea capitolina è iniziata con le comunicazioni urgenti della sindaca che ha ringraziato l'assessore Paola Muraro e il vicesindaco Daniele Frongia "per il lavoro fatto fino ad adesso" e rivolto un 'in bocca al lupo' a Luca Bergamo e a Pinuccia Montanari. Poi ha lasciato l'aula tra le proteste delle opposizioni, per recarsi alla Messa all'Ara Coeli per i dipendenti comunali. Poca voglia di parlare con i cronisti, dai quali è sfuggita lasciandosi scappare un "non temo né le parole di Marra né l'esposto di Raineri".

In aula i lavori vengono sospesi poco dopo l'uscita della sindaca e riprendono solo molto più tardi, quando De Vito annuncia la decisione dell'Oref di non dare parere positivo al bilancio precisionale per il 2017. Immediatamente si scatenano le opposizioni. "La giunta Raggi è riuscita nel capolavoro di farsi bocciare dai revisori il bilancio del comune. Siamo ormai all'incapacità manifesta che rischia di scaricare il peso di continui errori sui cittadini romani", tuona Matteo Orfini, presidente del Pd e commissario del partito romano, sul suo profilo Facebook. "Ma vedrete che faranno finta di niente e che Beppe Grillo scriverà l'ennesimo post coprendo tutto e prendendosela con i poteri forti o con un complotto alieno - continua - Per non ammettere quello che ormai è sotto gli occhi di tutti: non sanno e non vogliono fare altro che occupare e gestire il potere. Questo oggi è il M5s a Roma. L'erede della destra peggiore".

"Un altro grande risultato del sindaco di Roma Raggi", lo definisce la presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni, sottolineando che "per la prima volta nella storia il bilancio di previsione del Comune viene bocciato dall'Organismo di revisione economica e finanziaria. Questo vuol dire che la manovra è da rifare e che il Comune rischia il commissariamento. A poco più di sei mesi dalla sua elezione la Raggi potrebbe battere un altro record: essere commissariata prima da Grillo e poi dal prefetto". Per la senatrice Pd Monica Cirinnà la bocciatura al bilancio è "l'ennesima tegola che si abbatte su una Giunta di apprendisti stregoni che dimostra tutta la loro incapacità". A questo punto, incalza, due sono gli scenari possibili: "O la sindaca Raggi, convinta della bontà dei suoi numeri approva comunque in giunta e poi in Consiglio comunale il bilancio, pur sapendo che la bocciatura dell'Oref prevede l'invio del documento alla Corte dei conti e al ministero dell'Interno. Oppure, sperando nel decreto del governo, dovrà ricorrere all'esercizio provvisorio che prevede che tutti i Dipartimenti procedono ad impegni di spesa mese per mese. Ciò di fatto vuol dire immobilizzare l'attività del Comune".

Reazioni che portano il capogruppo M5s in assemblea capitolina Paolo Ferrara a parlare di opposizioni "senza pudore. Le opposizioni, Pd in testa, si permettono di applaudire e gridare all'annuncio in Aula del parere non favorevole dell'Oref sul bilancio di previsione 2017-2019". E attacca: "Applaudono su uno scenario difficile che hanno creato loro stessi nel corso degli anni". Poi conclude: "Questo è il loro rispetto per i romani. Ma si rassegnino: noi non molliamo e faremo di tutto per difendere i diritti dei cittadini".

Loading the player...
Scritto da 
  • Antonella Scutiero
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

L'Italia piange Bruno e Luca. Mattarella: "Lotta al terrore"

La politica si stringe nel dolore delle famiglie

Roberto Tamagna del Movimento 5 Stelle

Riforma costituzionale M5S: meno parlamentari e stop Cnel

Nel programma Cinquestelle ci sono la riduzione dell'indennità parlamentare e la limitazione dell'immunità penale

Ritrovamento di resti di un corpo umano in un cassonetto della spazzatura in Via Guido Reni

Roma, convalida fermo all'uomo che ha fatto a pezzi la sorella

L'avvocato di Maurizio Diotallevi: "Non c'è stata nessuna premeditazione"

Viminale. Riunione del Comitato per l'Ordine e la sicurezza

Barcellona, Minniti: "In Italia attenzione a obiettivi a rischio"

Il ministro dell'Interno invita a tenere alta l'allerta su alcuni luoghi sensibili nel Paese