Domenica 09 Aprile 2017 - 11:00

Brasile, canoe agli indios per scoprire talenti olimpici

Gli indigeni sono abituati a remare nei fiumi dell'Amazzonia

Brasile

Rio de Janeiro (Brasile), 9 apr. (LaPresse/EFE) - Il Brasile fornirà canoe e kayak professionali agli indios abituati a remare nei fiumi dell'Amazzonia, con l'obiettivo di far emergere talenti in grado di contribuire al medagliere carioca ai giochi olimpici del 2024. "Gli indios già usano la canoa e, tra l'altro, sono molto competitivi", spiega all'agenzia spagnola Efe il presidente della Federazione brasiliana di Canottaggio, Joao Tomasini Schwertner, aggiungendo che il progetto, realizzato in collaborazione col ministero del Turismo e dello Sport, punta anche a "sottrarre le popolazioni indigene dalla loro condizione di invisibilità".

Che la partecipazione a gare di alto livello sia un antico sogno per gli indios lo conferma Kanato Yawalapiti, capo del villaggio Palushayu nell'Alto Xingu. "Tutte le volte che andiamo a una competizione vediamo rappresentanti di diverse etnie in gara, ma nessun indio. Per questo lottiamo per dare visibilità ai nostri atleti", spiega il cacicco, "nello Xingu nasciamo remando, quello di cui abbiamo bisogno è imparare la tecnica necessaria a competere". Proprio la regione dell'Amazzonia tagliata dal fiume Xingu, dove si concentrano diverse riserve, sarà la prima a ricevere le imbarcazioni. La Federazione invierà inoltre professionisti che formeranno i futuri tecnici all'interno degli stessi villaggi. "Vogliamo creare le condizioni perché gli indios imparino le tecniche del canottaggio, si possano qualificare e si allenino tra loro", conferma Schwertner.

L'iniziativa non rappresenta, in realtà, una novità assoluta. La Federazione di Tiro con l'arco dello stato dell'Amazzonia lavora già dall'anno scorso su un progetto analogo, promuovendo la disciplina tra le comunità della foresta amazzonica che utilizzano l'arco per la caccia e la pesca. Attraverso un lavoro di selezione nei villaggi sono stati scelti otto atleti che si allenano regolarmente in un centro sportivo di Manaus. "Cambiano solo il peso e il mirino che ho sull'arco", assicura Nelson Moraes, il quattordicenne di etnia Kambemba vincitore del settimo campionato campionato giovanile brasiliano, disputato lo scorso anno a Maricß, a una cinquantina di chilometri da Rio de Janeiro. E' lui il primo medagliato tra i talenti scoperti attraverso i programmi di scouting nei villaggi della foresta. Quattro di loro, durante una sessione di allenamento svoltasi proprio a Maricß, si sono già trovati a lavorare sotto la guida del tecnico della nazionale brasiliana, l'italiano Renzo Ruele.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Goteborg, scontri ad una marcia dell'estrema destra

Svezia, bomba esplode davanti a stazione della polizia

È accaduto a Helsingborg, nel sud della Svezia. Per il momento non sembrerebbero esserci vittime

Cina, Xi: "Pronti a diventare un grande Paese socialista moderno"

Cina, Xi: "Pronti a diventare un grande Paese socialista moderno"

E sull'economia annuncia: "Puntiamo ad avere tassi d'interesse e i tassi di cambio più basati sul mercato"

Nigeria, bombe a Abuja

Nigeria, liberato don Pallù. Alfano: "Sta bene"

Il sacerdote della diocesi di Roma era da tre anni in missione nel Paese africano. Gioisce la parrocchia di San Bartolomeo

Il direttore di Amazon Studios si dimette per accuse di molestie sessuali

Avrebbe inoltre ignorato le denunce di un'attrice su abusi sessuali che avrebbe subito da Weinstein