Lunedì 12 Giugno 2017 - 09:00

Amministrative, Pizzarotti al ballottaggio a Parma. Debacle M5S

"I cittadini ragionano con la propria testa, Parma è stata abbandonata dal Movimento e questo se lo sono ricordati", commenta l'ex pentastellato

Amministrative, Pizzarotti al ballottaggio a Parma. Debacle M5S

A Parma il sindaco uscente  Federico Pizzarotti, eletto nel 2012 per il M5s e che nel 2016 ha lasciato il Movimento di Grillo, va al ballottaggio contro l'avversario di centrosinistra Paolo Scarpa. Il sindaco uscente ha incassato il 34,7% dei voti (23.946 le preferenze) con la sua lista civica 'effetto Parma' e andrà al ballottaggio contro il candidato di centrosinistra Paolo Scarpa (32,73%, 24.934 voti) sostenuto da Pd e due civiche. Il centrodestra di Laura Cavandoli si ferma al 19,27%, mentre per il M5s è una debacle: solo il 3,18% per Daniele Ghirarduzzi.

Il 43enne primo cittadino ha puntato su scuole, mobilità e sicurezza per convincere i concittadini ad affidargli il secondo mandato, e resta il favorito per la vittoria. Contro di lui uno schieramento da record di avversari, ben dieci.

Paolo Scarpa, 60 anni, dopo avere vinto le primarie del centrosinistra il 5 marzo scorso, si presenta con il sostegno di una coalizione composta da Partito Democratico, Parma Unita e la lista indipendente Parma Protagonista. Promette di partire dalla periferie con un piano per il ripristino della sicurezza e della legalità. Ha l'obiettivo di riportare la guida di Parma al centrosinistra dopo 19 anni, ma non sarà semplice.

"I cittadini ragionano con la propria testa, Parma è stata abbandonata dal movimento 5 Stelle e questo se lo sono ricordati", ha commentato Pizzarotti ai microfoni di SkyTg24. "La lista lavorava contro di noi e non per la città - insiste - Siamo arrivati molto più consapevoli rispetto all'altra volta".
Il Pd rivendica il risultato: "Dal voto dei cittadini emerge una cosa chiara: il centrosinistra a Parma ha ottenuto un risultato soddisfacente e voglio fare i miei complimenti al candidato Paolo Scarpa e a tutti quelli che hanno lavorato a partire dalla nostra lista Pd. Ora, con il ballottaggio, si riparte da zero e faremo il massimo per avere un sindaco in grado di cambiare la città veramente", dice il segretario provinciale Gianpaolo Serpagli. "Abbiamo davanti 15 giorni impegnativi e difficili, ma decisivi per il futuro di Parma - aggiunge - Siamo pronti a lavorare insieme e senza divisioni per convincere tutti i parmigiani che il nostro programma è quello più adatto per tornare a far vincere Parma".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito

Cdp, chi è Palermo: manager interno che ha lavorato a Fincantieri

Lavora già a Cdp da quasi 4 anni, dove è Chief Financial Officer

Camera dei Deputati - Voto di fiducia al governo Conte

Cdp, c'è l'accordo sulle nomine: l'ad sarà Fabrizio Palermo. Fumata bianca dopo il vertice a Palazzo Chigi

Sbloccato l'impasse. Di Maio: "L'intesa è un'ottima notizia". Tria incassa la nomina desiderata al Tesoro: Rivera nuovo dg