Giovedì 25 Febbraio 2016 - 18:45

Ala da' fiducia a Renzi: Maggioranza varia, ira delle opposizioni

L'appoggio alle unioni civili del gruppo di Ala in Senato secondo le opposizioni denota il cambiamento della fisionomia dell'esecutivo, pertanto Renzi deve salire al Colle

Verdini e Barani

I verdiniani votano la fiducia politica al ddl Cirinnà e si scatena il putiferio. L'appoggio alle unioni civili del gruppo di Ala in Senato secondo le opposizioni denota il cambiamento della fisionomia dell'esecutivo, pertanto Renzi deve salire al Colle. Insomma i 19, che forse diventeranno 20 o 21, assicurano, secondo il capogruppo Lucio Barani sono "un paracadute che si è aperto ormai diverse volte" a favore del governo. Non la pensa così Giorgio Napolitano che definisce i voti dei verdiniani solo "aggiuntivi" e non sostitutivi. Il problema vero, spiega l'ex presidente della Repubblica, "è quando la minoranza diventa sostitutiva". Quindi la richiesta che Renzi faccia un passaggio al Colle? "Semmai una passeggiata" ha tagliato corto con una battuta il senatore a vita.

In realtà il gruppo guidato da Denis Verdini, ex braccio destro di Silvio Berlusconi, non ha mai fatto mancare l'appoggio al governo partendo dalle Riforme costituzionali. Ad infiammare gli animi oggi è stata l'aggiunta alla parola fiducia dell'aggettivo "politica", che potrebbe significare un azione più attiva di Ala anche nelle scelte dell'esecutivo, come conferma lo stesso Barani: "Dobbiamo spingere questo Governo a essere sempre più riformista e al riparo dai ricatti".

 

A questo si aggiungono i rumors di palazzo che volevano il passaggio di Tonino Gentile, fresco di nomina come sottosegretario allo Sviluppo economico, in partenza da Ncd per Ala, appunto. Voci smentite dallo stesso Gentile: "Sono amico di Verdini da tanti anni, ma ho convintamente fatto una scelta umana, fortemente personale, e politica, che mi lega ad Angelino Alfano con il quale condivido tutto il percorso politico, presente, passato e futuro. Se qualcuno ha interesse a dire e riportare cose non vere, smentite da me categoricamente, perde il suo tempo". Un sottosegretario di Ala al governo avrebbe davvero messo in discussione la maggioranza, anche se qualcuno ricorda che si tratta di un "governo delle larghe intese" dalla maggioranza variabile. Resta comunque evidente che i 19 senatori di Ala fanno la differenze. Le unioni civili oggi sono passate con 173 voti, mentre ieri la mancanza di fiducia al decreto legge Milleproroghe ha fatto registrare 155 preferenze. Molto al disotto di quota 161.

Scritto da 
  • Donatella Di Nitto
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

M5S, Raggi riancia: Non mollo. Presto il nuovo assessore al Bilancio, si deciderà a Roma

M5S, Raggi rilancia: Non mollo. Presto l'assessore al Bilancio, si deciderà a Roma

La kermesse 5 Stelle a Palermo si è chiusa con la riaffermazione della leadership di Grillo e dell'indipendenza della sindaca

Viriginia Raggia sul palco della festa nazionale del Movimeto 5 Stelle a Palermo

M5S, Grillo di nuovo leader. Raggi a Palermo: Non mollo, siamo più uniti che mai

Attivisti insultano i giornalisti presenti al raduno. Assange loda il comico: "Con lui sbaragliate stampa corrotta"

Grillo chiude la prima giornata della festa nazionale del Movimeto 5 Stelle a Palermo

Assange loda Grillo: Con lui sbaragliate la stampa corrotta

Il giornalista sostiene il comico in collegamento con il raduno M5s a Palermo

Festa nazionale del Movimeto 5 Stelle a Palermo, secondo giorno

Raggi nei gazebo: assalto di attivisti e insulti alla stampa

La folla attacca i cronisti: "Venduti, servi della gleba"