Il Pontefice accolto dal presidente Qasym-Jomart Toqaev

Viaggio del Papa in Kazakistan. Francesco è atterrato all’aeroporto di Nur-Sultan nel primo pomeriggio di martedì e ha raggiunto in sedia a rotelle la sala d’accoglienza dello scalo dove è stato accolto dal Presidente della Repubblica Qasym-Jomart Toqaev. Due giovani in abito tradizionale kazako hanno offerto dei fiori. Dopo la presentazione delle delegazioni e la guardia d’onore, Toqaev ha accompagnato il Pontefice nella Sala Vip per un breve incontro, al termine del quale il Presidente ha raggiunto in anticipo il Palazzo Presidenziale Ak Orda, sua sede di lavoro e residenza ufficiale, per accogliere il Pontefice.

Papa Francesco era partito in mattinata da Fiumicino. Nella capitale del Kazakistan il Santo Padre – accogliendo gli inviti ricevuti dalle autorità civili e dalla Chiesa in Kazakistan – parteciperà per la prima volta al VII Congresso dei leader religiosi per promuovere una convivenza pacifica tra popoli e religioni differenti. Il motto del viaggio è “Messaggeri di pace e unità”.

Si tratta del 38esimo viaggio apostolico di Papa Francesco. Bergoglio è il secondo Pontefice a compiere un viaggio apostolico in Kazakistan: San Giovanni Paolo II aveva infatti visitato il Paese nel settembre 2001, all’indomani dell’attacco al World Trade Center.

Papa: “Sono pronto ad andare in Cina”

Un incontro con Xi Jinping in Kazakistan? “Non ne so niente, ma sono sempre pronto ad andare in Cina”. Così Papa Francesco rispondendo ai giornalisti sul volo che lo sta portando in Kazakistan.

 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata