Sarà necessario effettuare la risintonizzazione dei canali

Tv e digitale terrestre , da domani si cambia. Per effetto dello switch off, tutti i canali trasmessi con i nuovi standard potranno essere visualizzati correttamente solo da televisori e decoder compatibili con l’alta definizione. Con il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 21 dicembre 2021 è stata infatti fissata per l’8 marzo 2022 l’attivazione in tutta Italia della codifica MPEG-4 per la trasmissione di tutti i programmi delle emittenti televisive nazionali.

I canali che verranno trasmessi in MPEG-4 e visibili in alta qualità saranno posizionati tra il numero 1 e 9 e dal numero 20 del telecomando. Ad esempio, il canale Rai 1 HD, attualmente visibile al numero 501, sarà spostato al numero 1. Tutti i canali che saranno trasmessi con la nuova codifica MPEG-4 potranno essere visualizzati correttamente solo da televisori e decoder in grado di supportare l’HD.

E’ possibile verificare che il proprio apparato sia compatibile con l’HD provando a vedere i canali che attualmente sono già disponibili in alta qualità: ad esempio, il canale 501 per RAIUNO HD, 505 per Canale 5 HD e 507 per LA7 HD. Non è necessario che tutti i canali in HD siano visibili: se almeno uno di questi canali è visibile, allora la tv è compatibile e consentirà la visione dei programmi che saranno via via trasmessi con la codifica MPEG-4.

Per visualizzare correttamente questi programmi sarà necessario effettuare la risintonizzazione del proprio televisore o decoder al momento del passaggio alla nuova tecnologia trasmissiva.

Dall’8 marzo anche tutti i programmi Rai verranno trasmessi con la nuova codifica MPEG-4 e Rai 1, Rai 2 e Rai 3 saranno visibili in alta qualità (HD).

Il passaggio al codec MPEG-4 dei canali delle tv locali è avvenuto per aree geografiche in contemporanea con il calendario stabilito dal decreto Road Map per le operazioni di attivazione delle nuove frequenze previste per ognuna delle medesime aree.

Nelle aree geografiche in cui il processo di refarming si è già concluso (come la Sardegna, la Valle d’Aosta e il Trentino Alto-Adige) e nelle aree del Nord Italia in cui la riorganizzazione delle frequenze avverrà entro la data di domani, le emittenti locali dovranno procedere alla dismissione della codifica MPEG-2 in favore della codifica MPEG-4 nella stessa data prevista per l’attivazione della codifica MPEG-4 da parte delle emittenti nazionali (8 marzo), in modo che i cittadini di queste aree, con un’unica risintonizzazione, potranno agganciare le nuove frequenze sia dei canali diffusi a livello nazionale che di quelli trasmessi a livello locale.

Le ultime date di attivazione della codifica MPEG-4 da parte delle emittenti locali del Nord Italia sono: Emilia-Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia, rispettivamente 9, 10 e 11 marzo; per l’Appennino Romagnolo la data è il 14 marzo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata

Tag: