L’annuncio è arrivato dalla madre, via Instagram. La cantante è morta a causa di un cancro

Sarah Harding

Londra, Celebrity Big Brother Final 2017

Addio a Sarah Harding, cantante, ex del gruppo Girls Aloud, morta all’età di 39 anni. A darne notizia la madre Marie, con un messaggio molto commovente, pubblicato sul profilo Instagram della cantante.

“È con profondo dolore che condivido oggi la notizia che la mia bellissima figlia Sarah è tristemente scomparsa”, ha scritto Marie. “Molti di voi sapevano che Sarah combatteva una dura battaglia contro il cancro. È morta in pace questa mattina” si legge ancora nel messaggio della madre, accompagnato da una foto in bianco e nero della figlia.

Sarah Harding aveva rivelato lo scorso anno avere un cancro al seno e che la malattia si era diffusa ad altre parti del corpo. “Vorrei ringraziare tutti per il loro gentile supporto durante lo scorso anno. Significava molto per Sarah e le dava grande forza e conforto sapere di essere amata. So che non vorrà essere ricordata per la sua lotta contro questa terribile malattia: era una stella splendente e brillante e spero che sia così che potrà essere ricordata”, ha aggiunto la madre della cantante nello struggente messaggio via social.

Sarah Harding, il ricordo delle Girls Aloud

Sarah Harding assieme a Nadine Coyle, Nicola Roberts, Cheryl Tweedy e Kimberley Walsh ha fatto parte delle Girls Aloud, gruppo tutto al femminile, band anglo-irlandese nata nel 2002 e sciolta nel 2013. Per un periodo sono state anche considerate “rivali” delle Spice Girls.

Le stesse ex compagne di band hanno ricordato Sarah via social. “Sono devastata. Non riesco a esprimere quello che provo per questa ragazza e cosa ha significato per me”, ha scritto Nadine Coyle su Instagram. “Non posso accettare che questo giorno sia arrivato”, ha postato Nicola Roberts, aggiungendo: “Una parte di me o di noi non c’è più ed è impensabile e crudele”.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Sarah Harding (@sarahnicoleharding)

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata