Sarà l’adattamento del film del 2020. Aperti i casting per selezionare i protagonisti

Raffaella-Carrà

Raffaella Carrà

I grandi successi di Raffaella Carrà, che hanno accompagnato intere generazioni in Italia e all’estero, a fare da colonna sonora a una storia d’amore e di riscatto sociale. Così nascerà il musical “Ballo Ballo”, ambientato negli anni ‘70. Una produzione di Valeria Arzenton, fondatrice del gruppo Zed Live, grazie a un accordo raggiunto per l’adattamento del film “Ballo Ballo – Explota Explota”, prodotto nel 2020 dalla Tornasol SL, casa di produzione cinematografica spagnolo-uruguaiana.

 

 

“Questo progetto doveva essere una celebrazione vivente e non un ricordo postumo”, ha spiegato Valeria Arzenton. “A Natale fui folgorata dal film ‘Ballo Ballo ’perché la storia è bella, una favola senza tempo e mostra la forza delle passioni, capaci di creare vere e proprie rivoluzioni. Così come la Carrà, una donna forte e controcorrente, sempre in prima linea e al di sopra dei pregiudizi”, ha aggiunto la produttrice.

Un musical con le canzoni di Raffaella Carrà

Proprio come il film da cui trae ispirazione, prodotto dall’uruguaiana Mariela Besuievsky, anche il musical sarà prodotto da una donna, il primo in Italia, e rappresenta “il modo migliore per omaggiare una grandissima artista, che è stata un’icona, un mito, un’ispirazione per me come per moltissime persone nel mondo” ha concluso Valeria Arzenton, precisando che “le sue canzoni sono la colonna sonora della nostra italianità”.

“Ballo Ballo – Explota Explota Musical” è un progetto internazionale che coinvolgerà società di produzione italiane, spagnole ed olandesi, e debutterà in contemporanea in più Paesi nel 2022. Aperto il cast internazionale per la selezione dei protagonisti e per “trovare nel mondo una protagonista capace di impersonare lo spirito di Raffaella sarà una grande ed avvincente sfida”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata