L'attrice aveva recitato con il regista in 'Tutti dicono I love you'

Continua ad allungarsi la lista di attrici che negli ultimi anni hanno condiviso pubblicamente il loro rammarico per aver lavorato con Woody Allen. Dopo Timothée Chalamet, Elliot Page, Mira Sorvino o Greta Gerwig, ora anche Drew Barrymore rinnega il regista.

L’antefatto è che Woody Allen è il protagonista di una docuserie, ‘Allen v. Farrow’, che esamina gli eventi che hanno portato la allora piccola Dylan Farrow (7 anni), figlia di Allen e Mia Farrow, ad accusare suo padre di aver abusato sessualmente di lei nel 1992. Accuse lasciate cadere dal Dipartimento dei servizi sociali di New York.

“Gli attori non hanno idea dei fatti e si aggrappano a una posizione pubblica e sicura. Chi al mondo non è contrario alla molestia infantile? È così che per attori e attrici denunciarmi è diventata la cosa alla moda da fare, come se improvvisamente tutti si mettessero a mangiare il cavolo” aveva dichiarato alla stampa americana il famoso attore e regista. Per poi aggiungere: “Presumo che per il resto della mia vita un gran numero di persone penserà che sono stato un predatore. Qualunque cosa dica suona egoistica e difensiva, quindi è meglio se vado avanti a modo mio e lavoro”.

Dylan Farrow si commuove alle parole di Drew Barrymore

Drew Barrymore, protagonista del film di Allen del 1996 ‘Tutti dicono I love you’, durante la conduzione del suo ‘The Drew Barrymore Show’ ha ospitato la figlia di Allen, Dylan Farrow. Dopo una lunga chiacchierata, l’attrice e conduttrice ha dichiarato tutta la propria solidarietà a Dylan, oggi 35enne, e il suo pentimento per aver lavorato con Allen.

Drew Barrymore e Dylan Farrow durante lo show. Foto da Instagram

Drew Barrymore e Dylan Farrow durante lo show. Foto da Instagram

“Ho lavorato con Woody Allen. Ho fatto un film con lui nel 1996 intitolato ‘Tutti dicono I love you’. All’epoca non c’era biglietto da visita migliore per la carriera che lavorare con Woody Allen. Ero entusiasta. Poi ho avuto dei figli e questo mi ha cambiato molto perché mi resi conto che ero una delle persone che erano state ingannate per non vedere oltre a ciò che mi veniva detto nelle vicende che circondavano Allen. Ora vedo ciò che sta succedendo nell’industria cinematografica, e questo anche grazie alla tua scelta coraggiosa. Quindi grazie per quello che hai fatto”.

A quel punto Dylan Farrow ha ringraziato Drew per l’ospitalità e ha risposto: “Sento quello che hai appena detto e cerco di non piangere ora. Ha così tanto significato perché è facile per me dire: Ovvio che non dovresti lavorare con lui. Lui è un cretino, è un mostro. Ma trovo incredibilmente generoso e coraggioso che tu dica a me che la mia storia e quello che ho passato siano stati importanti abbastanza per te da riconsiderare il tutto”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata