Così Matteo Salvini a margine dell'iniziativa delle Camere penali

(LaPresse) – “Una giustizia giusta sta a cuore a sessanta milioni di italiani, non è una battaglia di parte. Noi sosteniamo le proposte di legge presenti in Parlamento e gli italiani potranno dare una bella spinta firmando i sei referendum. Se il Parlamento non si da una mossa, sono gli italiani a dare la scossa”. Così Matteo Salvini a margine dell’iniziativa delle Camere penali sulla legge di iniziativa popolare per la separazione delle carriere. Il leader leghista replica anche all’ex magistrato Piercamillo Davigo, che lo aveva attaccato in merito alla presunta volontà di abolire la custodia cautelare: “Davigo ha letto male o capito male, purché rimane la custodia cautelare se si ravvisano pericolo di fuga o inquinamento delle prove. Si lascia meno discrezionalità al giudice sulla reiterazione del reato perchè spesso la custodia è usata come tempi supplementari dell’interrogatorio” ha detto Salvini.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata