Dombrovskis: "Su 28 mln di lavoratori 5,5 mln sarebbero dipendenti"

La Commissione europea ha proposto una serie di misure per migliorare le condizioni di lavoro nelle piattaforme digitali e per sostenere la crescita sostenibile delle piattaforme digitali per il lavoro nell’Ue.

Le nuove regole garantiranno che le persone che lavorano attraverso piattaforme di lavoro digitali possano godere dei diritti del lavoro e dei benefici sociali a cui hanno diritto. Riceveranno inoltre una protezione aggiuntiva per quanto riguarda l’uso della gestione algoritmica (ossia sistemi automatizzati che supportano o sostituiscono la gestione delle funzioni al lavoro). Pertanto, un insieme comune di norme dell’Ue fornirà una maggiore certezza del diritto per consentire alle piattaforme digitali del lavoro di beneficiare appieno del potenziale economico del mercato unico e parità di condizioni.

Nell’ambito del pacchetto odierno, la Commissione propone: una comunicazione che definisce l’approccio e le misure dell’Ue sul lavoro sulle piattaforme. Questi sono integrate da azioni che le autorità nazionali, le parti sociali e altri attori pertinenti dovrebbero prendere al loro livello. Mira inoltre a gettare le basi per il lavoro sul futuro standard globale per i lavori di piattaforma di alta qualità; una proposta di direttiva sul miglioramento delle condizioni di lavoro nel lavoro su piattaforma. Ciò comprende misure per determinare correttamente la condizione occupazionale delle persone che lavorano attraverso le piattaforme digitali del lavoro e nuovi diritti sia per i lavoratori che per i lavoratori autonomi in materia di gestione algoritmica; un progetto di linee guida che chiariscono l’applicazione del diritto della concorrenza dell’Ue ai contratti collettivi di lavoratori autonomi singoli che cercano di migliorare le proprie condizioni di lavoro.

La proposta  propone un elenco di criteri, di cui almeno due devono essere soddisfatti affinché le piattaforme possano presumere di essere datori di lavoro. I criteri del progetto di direttiva contribuiranno a determinare il grado di controllo, ad esempio esaminando eventuali restrizioni alla libertà delle persone di organizzare il proprio lavoro. I criteri sono: determinazione del livello di remunerazione o fissazione di limiti massimi; vigilare sull’esecuzione del lavoro con mezzi elettronici; limitare la libertà di scelta dell’orario di lavoro o dei periodi di assenza, di accettare o di rifiutare incarichi o avvalersi di subappaltatori o sostituti; fissare specifiche norme vincolanti in materia di aspetto, comportamento nei confronti del destinatario del servizio o esecuzione dell’opera; limitare la possibilità di creare una base di clienti o di eseguire lavori per terzi.

Oggi più di 28 milioni di persone, soprattutto delle giovani generazioni, lavorano su piattaforme digitali di lavoro nell’Ue e entro il 2025 questo numero può raggiungere 43 milioni di persone. Le persone coinvolte a volte si sentono esposte a condizioni di lavoro non sicure e a un accesso ridotto alla protezione sociale. Dei 28 milioni di lavoratori menzionati fino a 5,5 milioni sono classificati come lavoratori autonomi ma in realtà ci sono controlli regolari e una supervisione che li renderebbero lavoratori dipendenti”, ha detto il vicepresidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis, nella presentazione del pacchetto.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata

Tag: