Celebrazioni e spettacoli pirotecnici: ogni Paese accoglie il nuovo anno in modo diverso per colpa della pandemia

Il 2020, l’anno più difficile e complicato dalla fine della Seconda guerra mondiale, è ormai alle spalle e tutto il pianeta spera che il 2021 sia l’anno della riscossa e della vittoria sul coronavirus. In tutti i Paesi si è celebrato l’arrivo del nuovo anno, anche se in modo diverso. In Nuova Zelanda, per esempio, dove il Covid-19 non è più considerato un pericolo, i festeggiamenti si sono tenuti con migliaia di persone in strada. Diverso lo scenario in tantissimi altri Paesi, dove invece la pandemia è ancora un dramma e gli spettacoli pirotecnici si sono tenuti con la popolazione chiusa in casa e le piazze deserte.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata