Andy Jassy nuovo amministratore delegato del colosso dell'e-commerce

Clamoroso cambio ai vertici di Amazon. Jeff Bezos ha annunciato che lascerà la carica di ceo del colosso dell’e-commerce a Andy Jassy. Il fondatore della multinazionale di Seattle, che la creò 30 anni fa come libreria online, assumerà invece la carica di presidente esecutivo, un passaggio che avverrà nel terzo trimestre di quest’anno, quando Jassy prenderà il suo posto da nuovo amministratore delegato. “Nel mio ruolo di presidente esecutivo intendo concentrare le mie energie e la mia attenzione su nuovi prodotti e iniziative”, ha detto il fondatore di Amazon.

L’annuncio del passo indietro di Bezos è stato fatto quando Amazon ha comunicato i suoi dati di bilancio sopra le attese durante il 4^ trimestre, nell’anno del Covid: più che raddoppiati gli utili a 7,2 miliardi di dollari e ricavi saliti del 44% a 125,6 miliardi di dollari. E a Wall Street, nelle contrattazioni after hours il titolo Amazon è salito dell’1,86% dopo l’annuncio del passo indietro di Bezos e i conti.

Risultati trimestrali sopra le aspettative anche per Google. Alphabet (la holding a cui fa capo il gigante delle ricerche internet) ha riportato un utile nel quarto trimestre di 15,23 miliardi di dollari.

La società, con sede a Mountain View, in California, ha dichiarato di avere un reddito netto per azione di 22,30 dollari.Risultati che hanno superato le aspettative di Wall Street. La stima media di 15 analisti intervistati da Zacks Investment Research era per un utile netto di 15,91 dollari per azione.

Il leader nel settore della ricerca su Internet ha registrato ricavi per 56,9 miliardi nel periodo. Undici analisti intervistati da Zacks si aspettavano 44,09 miliardi di dollari.

Le azioni di Alphabet sono aumentate di quasi il 10% dall’inizio dell’anno, mentre l’indice Standard & Poor’s 500 è aumentato di quasi il 2%. Negli ultimi minuti di negoziazione martedì, il titolo ha guadagnato il 6,46%. E così incassa un aumento del 30% negli ultimi 12 mesi.

L’impero della pubblicità digitale di Google sta riguadagnando lo slancio perso durante le prime fasi della pandemia. Il suo servizio video di YouTube si sta rivelando un importante magnete per il marketing con le aziende che si aspettano di aumentare la spesa da parte dei consumatori quando saranno liberi dai lockdown quando l’economia ripartirà.

Le entrate pubblicitarie del quarto trimestre di Google sono aumentate del 23% rispetto all’anno precedente, con i maggiori guadagni provenienti da YouTube.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata