Milano, 10 nov. (LaPresse) – Tim regge l'urto del Covid nei primi nove mesi del 2020. Il risultato del periodo vede un utile netto in miglioramento a 1,2 miliardi di euro. Il risultato, spiega una nota del gruppo, è in crescita del 38% su base annua e beneficia anche del positivo effetto fiscale per le minori imposte di esercizi precedenti.

I ricavi totali di gruppo nel periodo ammontano a 11,657 miliardi di euro, in calo del 13,2% rispetto ai primi nove mesi del 2019, quando erano pari a 13,423 miliardi. I ricavi totali del terzo trimestre 2020 sono pari a 3,898 miliardi con una variazione in termini organici rispetto al terzo trimestre 2019 di -207 milioni di euro (-5%).

L'Ebitda ammonta a 5,11 miliardi, in calo del 21,2%, mentre l'Ebit si attesta a 1,6 miliardi.

(Segue)

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata