Milano, 10 nov. (LaPresse) – “Non siamo d'accordo con le affermazioni preliminari della Commissione europea e continueremo a impegnarci per assicurare un’accurata comprensione dei fatti".

Così Amazon commenta l'avvio da parte del massimo organo esercutivo dell'Unione Europea di un'indagine per abuso di posizione dominante sul mercato dell'e-commerce.

"Amazon – aggiunge la multinazionale – rappresenta meno dell'1% del mercato al dettaglio globale e ci sono rivenditori più grandi in tutti i paesi in cui operiamo. Nessuna azienda più di Amazon si occupa delle piccole imprese o ha fatto di più per supportarle negli ultimi due decenni. Ci sono più di 150.000 aziende europee che vendono attraverso i nostri stores, le quali generano decine di miliardi di euro di ricavi ogni anno e hanno creato centinaia di migliaia di posti di lavoro".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata