Milano, 4 nov. (LaPresse) – "La diffusione dell’epidemia di Covid-19 ha generato uno shock macroeconomico di entità eccezionale e di durata incerta" e "nei primi sei mesi del 2020 l'attività economica si è fortemente ridotta rispetto al corrispondente periodo del 2019. Secondo l'indicatore trimestrale dell'economia regionale elaborato dalla Banca d'Italia (Iter), la flessione è stata più marcata al Nord, coerentemente con l’insorgenza precoce della pandemia in tale area geografica". E' quanto emerge dal rapporto 'L'economia delle regioni italiane – Dinamiche recenti e aspetti strutturali' della Banca d'Italia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata