Nel 2019 'Lockdown' è stato ricercato 4mila volte, nel 2020 più di un quarto di milione

Lockdown, il termine che è arrivato a condizionare tante vite in tutto il mondo nel 2020 a causa del coronavirus, è stato dichiarato parola dell'anno dal dizionario Collins. La definizione di lockdow, secondo il dizionario, è "l'imposizione di severe restrizioni sui viaggi, l'interazione sociale e l'accesso agli spazi pubblici" e il suo utilizzo è esploso nell'ultimo anno. Il Collins Corpus che si compone di 4,5 miliardi di parole e contiene termini del web, libri e giornali, nonché termini usati in radio, televisione e nelle conversazioni, ha registrato un aumento del 6.000% nel suo utilizzo. Nel 2019 'Lockdown' è stato ricercato 4mila volte, nel 2020 più di un quarto di milione. "La lingua è un riflesso del mondo che ci circonda e il 2020 è stato dominato dalla pandemia globale – afferma Helen Newstead, consulente di contenuti linguistici di Collins – Abbiamo scelto Lockdown come parola dell'anno perché racchiude l'esperienza condivisa di miliardi di persone che hanno dovuto limitare la propria vita quotidiana per contenere il virus". Lo riferisce il Guardian.

Le altre parole collegate alla pandemia più ricercate sono 'coronavirus', 'social distancing' (distanziamento sociale), 'self-isolate' (autoisolamento) e 'furlough' (congedo non retribuito). Nella top 10 delle parole più ricercate rientra anche 'tik toker' (utente della piattaforma TikTok) e 'Megxit', (la 'fuoriuscita', in continuità con il termine Brexit, del principe Harry e della findanzata Meghan dalla vita da reali britannici). Infine molto ricercata è risultata anche l'abbreviazione per il movimento Black Live Matter, Blm.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata