Al vaglio le misure da applicare a partire dal 7 gennaio

Vertice a Palazzo Chigi tra il premier, Giuseppe Conte, e i capidelegazione di Pd, M5s, Iv e LeU: al centro dell’incontro le misure da applicare a partire dal 7 gennaio per contrastare la pandemia.

Il 6 gennaio scadrà l’ultimo decreto del presidente del Consiglio. Sicuramente il Paese continuerà a mantenere le tre fasce colorate – rossa, arancione e gialla – in base ai diversi indici di contagio nei vari territori, ma restano da valutare le nuove regole.

Già a partire dal 7 gennaio sono almeno sei le Regioni che rischiano di diventare arancione (Calabria, Liguria, Veneto, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia e Marche), mentre è al vaglio l’ipotesi di far restare tutto il Paese in fascia rossa nei weekend, almeno finché gli indici della pandemia non saranno più contenuti. Quindi sabati e domeniche con chiusura dei negozi considerati non essenziali, stop agli spostamenti anche all’interno del proprio Comune e chiusura dei ristoranti e dei bar (con asporto e delivery consentiti).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata