Il presidente del Consiglio: "L'Italia coglierà tutte opportunità messe a disposizione da Ue"

“Tutti ci dicono che la pandemia avrà pesanti conseguenze anche l’anno prossimo, se non anche nel 2022“. E’ questa l’amara constatazione che il presidente del Consiglio Giuseppe Conte fa  intervenendo in videoconferenza all’evento ‘Nuovo bilancio e Next Generation EU: un piano europeo per far ripartire l’Italia’. Per questo, ha aggiunto, “se ragioniamo di sistema Italia, dovrà essere in prima linea, in trincea, per cogliere tutte le opportunità che l’Ue ha messo a disposizione”.

“L’Europa è stata chiamata ad affrontare questa fase con strumenti completamente diversi. Non si trattava solo di tutelare il sistema del mercato europeo ma intervenire per rendere ancora più resilienti i sistemi economici e sociali che avrebbero potuto pagare in maniera più importante le conseguenze di questa pandemia”, ha aggiunto il premier.

E sul Recovery Fund ha chiarito che “il piano nazionale offrirà tutte le garanzie per essere non una cattedrale sulla carta ma realizzi davvero gli obiettivi. Ecco perché ci saranno canali preferenziali e una struttura che ne garantisca davvero l’attuazione con tutte le amministrazioni che sono coinvolte”. “Dovremo avere canali preferenziali per la realizzazione di questi investimenti – ha conlcuso – e il completamento delle opere che verranno indicate, preferenziali significa semplificazione burocratica, percorsi operativi e una struttura che ne possa garantire l’attuazione in tempi adeguati con tutte le pubbliche amministrazioni centrali e territoriali coinvolte”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata