Il capitano dell'Argentina ha parlato alla vigilia della sfida contro l'Arabia Saudita: "Sto bene"

Cresce l’attesa per l’esordio dell’Argentina di Leo Messi ai Mondiali in Qatar. L’Albiceleste, tra le favorite per la vittoria finale, affronterà l’Arabia Saudita nel suo primo match del Girone C (di cui fanno parte anche Polonia e Messico), l’occasione per la Pulce di completare la sua enorme bacheca di trofei.  “Sicuramente è la mia ultima possibilità per realizzare il sogno che tutti abbiamo”, ha detto il capitano e attaccante dell’Albiceleste che in conferenza stampa ha confermato che questa in Qatar sarà la sua ultima Coppa del Mondo. 

Alla vigilia della sfida d’esordio (in programma martedì allo stadio Lusail con calcio d’inizio alle 11 ora italiana) Messi ha voluto rassicurare sulle sue condizioni. L’altro giorno, ha spiegato, ha svolto “per precauzione” un lavoro differenziato “per aver preso un colpo”, aggiungendo che non c’è “niente di strano”. Messi ha detto di sentirsi “molto bene” fisicamente e di arrivare “in un grande momento” al Mondiale.

Allenamenti Argentina a Doha

Allenamenti Argentina a Doha

La Pulce: “Voglio vivere questa Coppa del Mondo godendomi ogni momento”

“Non so se questo è il momento migliore della mia carriera, ma mi sento davvero bene”, ha detto ancora Messi. “Forse sono un po’ più maturo, cercando sempre di dare il massimo e godermi tutto. Viglio vivere questa Coppa del Mondo con intensità e godermi ogni momento”, ha aggiunto. A proposito delle responsabilità di leader della squadra, Messi ha detto: “Prima non ci pensavo, volevo solo giocare e a volte mi sono perso un sacco di cose. Ora ne so un po’ di più”, ha detto. Sembra che vincere la Coppa America per porre fine a un’attesa di 28 anni per un titolo importante abbia davvero dato fiducia all’Argentina, che arriva a questo Mondiale imbattuta da 36 partite. L’ultima sconfitta dell’Albiceleste risale infatti al 2019. “Abbiamo appena vinto una competizione e questo è molto rassicurante”, ha detto Messi in conferenza stampa. “Ti aiuta a lavorare in modo diverso, non ti senti così ansioso. Le persone non ti mettono tanta pressione. Questa squadra mi ricorda molto il 2014. Siamo molto uniti e chiari su come vogliamo giocare. È fantastico essere qui in una forma così buona, perché ti dà tanta fiducia”, ha concluso.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata