Nerazzurri impegnati in trasferta contro il Borussia Mönchengladbach: serve una vittoria per sperare ancora negli ottavi

“La partita di domani è contro una buonissima squadra, che sta facendo molto bene in Champions. Dovremo cercare di dare il massimo e uscire dal campo senza rimpianti”. È quanto ha dichiarato il tecnico dell’Inter, Antonio Conte, alla vigilia della sfida di Champions League in casa del Borussia Mönchengladbach. I nerazzurri sono al momento ultimi del Gruppo B con soli due punti in quattro partite. Nemmeno due successi nelle ultime due sfide della fase a gironi potrebbero bastare per centrare gli ottavi di finale.

“Sono stati espressi tanti giudizi negativi per la partita contro il Real Madrid. Tanta gente ha parlato di partita in cui loro hanno praticamente fatto ciò che ha voluto, dimenticando che al 30′ del primo tempo eravamo dieci contro undici e avevamo subito un rigore dopo 4 minuti”, ha spiegato il tecnico in conferenza stampa. “Ma, come detto, sono rimasto soddisfatto della volontà e dell’impegno messi dai ragazzi in inferiorità numerica. Al tempo stesso quelle situazioni ce le siamo create noi e ci hanno penalizzato”.

Conte ha trovato anche il tempo di parlare delle difficoltà che sta incontrando Hamiki. “Ribadisco quanto detto a inizio stagione. È un giocatore che ha delle importanti potenzialità, ma deve lavorare tanto soprattutto in fase difensiva”, ha sottolineato il tecnico nerazzurro. “Non dimentichiamo che in Italia ci sono pressioni e aspettative e richieste molto più alte rispetto ad altri campionati, come quello tedesco o inglese, dove c’è più ‘enjoy’. Qui ci sono molte più pressioni”, ha aggiunto Conte. “Il ragazzo deve continuare a lavorare, sapendo anche lui che qui ci sono aspettative e pressioni totalmente diverse rispetto alla Germania”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata