Venerdì 17 Giugno 2016 - 07:45

Siria, aerei russi bombardano ribelli sostenuti dagli Usa

Gli attacchi nei pressi di al-Tanf, al confine con la Giordania

Siria, aerei russi bombardano ribelli sostenuti dagli Usa

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha accusato la Russia di bombardare le forze ribelli in Siria che hanno il sostegno degli Stati Uniti. La notizia è stata pubblicata sul quotidiano "Washington Examiner", che ha citato un alto funzionario del Pentagono. Secondo le informazioni pubblicate, gli attacchi aerei russi hanno avuto luogo giovedì nel sud della Siria, nei pressi di al-Tanf, al confine con la Giordania, e sono stati diretti contro i ribelli che combattono contro lo Stato islamico tra cui alcuni dei quelli che hanno il sostegno degli Stati Uniti.

Gli aerei russi "non erano stati attivi in questo settore da un po' di tempo", ha detto il funzionario della difesa, escludendo quindi un possibile caso di auto-difesa, e aggiungendo che chiederà spiegazioni alla Russia su quanto accaduto e rassicurazioni sul fatto che non si ripeterà. "Le recenti azioni della Russia sollevano serie preoccupazioni circa le loro intenzioni" ha concluso.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Iran, due violenti terremoti colpiscono il Paese

La terra ha tremato a nordest di Kerman e nell'area occidentale già colpita da un sisma lo scorso novembre. Non ci sono ancora notizie di danni o vittime

Austria, esplosione in impianto gas a Baumgarten.

Austria, esplosione al terminal del gas di Baumgarten: un morto e 17 feriti

Lo scoppio nella centrale di smistamento più importante del Paese a Sud di Vienna. Alta colonna di fumo. Escluso, per ora, il terrorismo

FILE PHOTO: Laurent Wauquiez, the front-runner for the leadership of French conservative party "Les Republicains" (The Republicans) attends a political rally in Saint-Priest

Francia, Wauquiez prende il posto di Sarkozy: "Ricostruirò centrodestra"

È il nuovo leader dei "Republicains" e ora dovrà ricostruire una realtà politica ancora scossa dal fatto di non essere riuscita, per la prima volta nella Quinta Repubblica, ad arrivare al ballottaggio per la presidenza