Lunedì 05 Dicembre 2016 - 00:15

Referendum, Renzi si dimette: Esperienza mio governo finisce qui

"Domani salirò al Quirinale e rassegnerò le mie dimissioni"

Referendum, Renzi si dimette: Esperienza mio governo finisce qui

Matteo Renzi riconosce la sconfitta al referendum costituzionale e si dimette da presidente del Consiglio. L'Italia "ha scelto in modo chiaro e netto, tanti cittadini si sono riavvicinati alla Carta costituzionale . W l'Italia che non sta alla finestra, che partecipa, che decide. Le mie congratulazioni ai leader del No, questo voto consegna loro oneri e onori. Tocca a chi ha vinto avanzare proposte serie e credibili sulla legge elettorale. Agli amici del Sì un abbraccio forte uno per uno, volevamo vincere non partecipare. Mi assumo tutte le responsabilità della sconfitta, ho perso io non voi. Fare politica per qualcosa è bello, siate orgogliosi. Arriverà un giorno in cui tornerete a festeggiare una vittoria". 

E ha annunciato le dimissioni: "Io ho perso, non sono riuscito a portarvi alla vittoria, ho fatto tutto il possibile, credo nella democrazia. Andiamo via senza rimorsi, abbiamo combattuto la battaglia con determinazione. L'esperienza del mio governo finisce qui. Domani consegnerò le mie dimissioni al presidente Sergio Mattarella". 

"Io ho perso. Nella politica italiana non perde mai nessuno, ma io sono diverso. Ho perso, lo dico con un nodo in gola, perché non sono un robot". Un momento di commozione c'è stato per il premier Renzi, durante la conferenza stampa. Renzi ha ringraziato la moglie Agnese, presente accanto a lui, e i suoi figli.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Piazza Montecitorio - Manifestazione del M5S contro il Rosatellum

M5S, Morra: "Alleanze? Chi vuole combattere per nostro programma ben venga"

Il senatore commenta le parole di Beppe Grillo e ribadisce la linea di Di Maio, senza escludere dunque apporti esterni dopo il voto

Liliana Segre, reduce di Auschwitz

Chi è Liliana Segre, sopravvissuta all'Olocausto e nuova senatrice a vita

Vittima delle leggi razziali del fascismo, il 30 gennaio 1944 venne deportata con il padre in Germania e poi al campo di concentramento di Birkenau-Auschwitz

Porta a porta, ospiti Danilo Toninelli e Matteo Orfini

Pd, Orfini: "LeU? Evitiamo scenari confusi alla D'Alema. No larghe intese"

Per il presidente del Partito democratico Renzi è la prima scelta per palazzo Chigi, senza escluderne però altri. E l'obiettivo da raggiungere alle urne è il 25%

Milano, convegno "Fare pace è un'impresa"

Olocausto, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Sopravvissuta ai campi di concentramento, ha ricevuto la carica per il suo impegno nel campo sociale