Domenica 20 Maggio 2018 - 23:30

Lazio-Inter 2-3 le pagelle: Vecino il gol vale la Champions

E De Vrij gioca già da interista virtuale

Lazio - Inter

Queste le pagelle di Lazio-Inter 2-3 match valido per la 38esima giornata del campionato di Serie A.

LAZIO

Strakosha 5.5: Prende tre gol e non compie interventi decisivi. Troppo restio nelle uscite.
Luiz Filipe 5.5: Nel primo tempo si divora una gol fatto. Nel finale crolla come tutta la difesa biancoceleste.
De Vrij 5: Gioca già da interista virtuale. La sua partita è perfetta fino allo scriteriato fallo da rigore che dà il via alla rimonta interista (39'st Nani sv).
Radu 6.5: Esperienza e concretezza. Quando esce dal campo lui la Lazio prende due gol in un amen (31' st Bastos sv).
Marusic 6.5: Ha il merito di sbloccare il risultato. Sopperisce con cuore e polmoni dove non arriva la tecnica.
Murgia 6: Primo tempo con i fiocchi. Meno bene nella ripresa ma sostituisce degnamente Parolo.
Lucas Leiva 5.5: Dovrebbe essere il faro con la sua esperienza. Sbaglia la partita più importante dell'anno.
Milinkovic Savic 7.5: Assist, palo su punizione ed una serie di giocate una più bella dell'altra. In Serie A un altro così semplicemente non esiste.
Lulic 6: Senza l'espulsione sarebbe fra gli eroi della serata. Lascia i suoi in dieci e diventa complice della debacle laziale.
Felipe Anderson 6.5: Trasforma in oro il contropiede lanciato da Lulic. Nella ripresa si perde troppo spesso nel suo innamoramento per il pallone.
Immobile 6.5: Pur acciaccato lotta come un leone. Meriterebbe la Champions ma sarà costretto ad accontentarsi dell'Europa League. (30'st Lukaku 5.5: Non incide come in altre occasioni). S.
Inzaghi 5.5: Perfetto nell'interpretazione iniziale del match. Meno nei cambi.

 

INTER

Handanovic 6.5: Se l'Inter può compiere l'impresa è merito di un paio di suoi interventi nel primo tempo.
Cancelo 6.5: Una spina nel fianco. Corsa e personalità anche nel pessimo primo tempo interista.
Skriniar 6: Roccioso, imponente. Sicuro nella marcatura sull'uomo meno quando viene preso in velocità.
Miranda 5.5: Soffre tanto Immobile quanto le incursioni dei trequartisti laziali.
D'Ambrosio 6.5: Sua la rete che tiene in partita l'Inter nel primo tempo. In difesa però può e deve fare meglio (36'st Ranocchia sv).
Vecino 8: Segna di testa, non certo la sua specialità, il gol che manda l'Inter in Champions. Basta e avanza
Brozovic 6: Jolly multitasking. Primo tempo di sofferenza assoluta. Cresce nella ripresa.
Candreva 5: Ex non rimpianto. Si vede poco se non quando esce fra i fischi. (16'st Eder 6: Cerca di farsi vedere, ci riesce a tratti).
Rafinha 5.5: Una via di mezzo fra un centrocampista ed un fantasista. Se ne può fare anche a meno. (23'st Karamoh 6: Ci mette gamba e grinta)
Perisic 6.5: Nel momento di massima difficoltà dell'Inter è quello che ci prova più di tutti.
Icardi 6: Il rigore segnato lo salva da una prestazione globalmente incolore.
Spalletti 6: Non sarà calcio spettacolo ma alla fine riesce a portare a casa l'obiettivo minimo stagionale. La ragione è dalla sua parte.
 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Ore decisive per Modric. Il Real fa muro. Everton scatenato

Oggi l'incontro tra gli agenti del giocatore e Florentino Perez. In casa Napoli la scelta tra i pali è stata fatta: sarà all-in per Guillermo Ochoa

Lazio - Napoli

Lazio, Lotito: "Milinkovic vale più di Pogba, per ora nessuna offerta"

Il presidente del club fa il punto sul futuro del centrocampista serbo

Nainggolan arriva al Coni accolto dai tifosi dell\'Inter

Inter, Nainggolan si ferma: distrazione muscolare alla coscia

Problemi anche per Karamoh, che ha riportato una lieve distorsione al ginocchio destro

Nainggolan a

Inter, Nainggolan alle presentazioni ufficiali: "Ora voglio vincere qualcosa"

Il centrocampista belga ha chiuso col passato: non pensa più alla Roma, nè alla mancata convocazione in Nazionale