Venerdì 15 Luglio 2016 - 09:45

Fca aumenta i prezzi delle auto dal primo agosto

Tutte le attuali offerte sono valide fino al 31 luglio

Fca aumenta i prezzi delle auto dal primo agosto

A partire dal primo agosto, i listini FCA (brand Fiat, Lancia, Abarth, Alfa Romeo e Jeep) saranno oggetto di un aumento dei prezzi. Chi fosse interessato ad acquistare una vettura Fca si affretti entro il 31 luglio per usufruire del listino e delle offerte attuali. Gianluca Italia, responsabile FCA per il mercato italiano, ha dichiarato: “Aumentare i prezzi in base al mercato, all’inflazione, all’andamento dell’economia è prassi nel nostro settore. FCA e la sua rete hanno chiuso un semestre soddisfacente, e, prima di apportare un aumento ai propri listini, abbiamo ritenuto che fosse corretto avvisare i consumatori che questo momento è imminente in modo tale che chi volesse cogliere le opportunità commerciali che le forti campagne commerciali di Luglio offrono, potesse farlo prima di andare in vacanza. Nella seconda parte dell’anno ci aspettiamo che il mercato continui a crescere, ma meno rispetto al primo semestre. Quanto alle variazioni dei listini, per essere chiari con gli italiani anche su questo aspetto, è evidente che non stiamo parlando di aumenti ininfluenti”.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Antitrust, sessione del 13mo convegno a Treviso

Viaggi in treno, taxi e auto con un click. L'Antitrust monitorerà

Con le app integrate si potrà acquistare l'intero pacchetto di viaggio. E l'Agcm vigilerà su acquisizione e trattamento dei dati

Antitrust, al via al 13mo convegno a Treviso

L'Antitrust: "No a blocco di Fb e Google, ma lotta alle pratiche scorrette"

Il presidente Pitruzzella illustra gli obiettivi dell'Autorità e le nuove battaglie da combattere

Ikea expansion plans

Ikea ritira dal mercato la bicicletta Sladda: è pericolosa

Numerosi gli incidenti causati dalla rottura della cinghia di trasmissione

trattore

Allarme Eurispes: "Lavoro sommerso genera 300 miliardi l'anno, aumentano gli squilibri"

La fotografia di un Paese povero, fragile e dominato dalle disuguaglianze economiche