Martedì 15 Novembre 2016 - 08:45

Di Maio: Togliere diritti è nella storia di Renzi, non del M5S

"Abolizione del Cnel è uno zuccherino in una valanga di letame"

Di Maio: Togliere diritti è nella storia di Renzi, non del M5S

"Dire No sarebbe contro la nostra storia? Io penso che quando si chiede ai cittadini 'a te va bene perdi il diritto di votare il Senato' tutti mi dicono no, lo stesso per l'immunità parlamentare. Renzi ha fatto ad esempio la riforma delle province o delle città metropolitane, senza poter più votare, ha fatto l'Italicum con i capilista bloccati Togliere i diritti è nella storia di Matteo Renzi, non delle nostra". Lo ha detto Luigi Di Maio del M5S  a Radio Monte Carlo. "Si tolgono diritti alla persone e si aggiungono ai politici", ha aggiunto.

"L'abolizione del Cnel è uno zuccherino in una valanga di letame che è questa riforma, è uno di quegli enti inutili. I costi finora però sono stati molto più alti di quelli che risparmieremo con la riforma. Di certo noi siamo in prima linea per abolire gli enti inutili". 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Maria Elena Boschi ospite di Otto e Mezzo

Gentiloni blinda la Boschi: "Ha chiarito, auguri di successo"

Ma continua la tempesta sul capo della sottosegretaria accusata da M5S di aver esercitato indebite pressioni

Maria Elena Boschi ospite di Otto e Mezzo

Banche, tempesta contro la Boschi. Lei si difende: "Ho detto la verità"

Il presidente Consob Vegas ammette diversi incontri sul tema di Banca Etruria: "Ma non ci fu pressione"

Milano, Maria Elena Boschi in Duomo alla messa dell'immacolata

Vegas: "Nessuna pressione dalla Boschi". Lei ribadisce: "Non ho mentito e non mi dimetto"

L'audizione del presidente Consob. Diversi incontri, "ma si parlò solo di fatti". Di Maio: "Ha mentito, se ne vada". La ministra: "Non è vero"

Gentiloni a Parigi alla Riunione di Alto livello sulla Forza Congiunta G5 Sahel

Migranti, Gentiloni: "Chiederemo più impegno a tutta famiglia Ue"

Il presidente del Consiglio italiano ha ringraziato i primi ministri dei paesi del gruppo Visegrad per "la loro decisione di finanziare con 36 milioni di euro il Fondo fiduciario dell'Ue per l'Africa