Martedì 15 Novembre 2016 - 08:45

Di Maio: Togliere diritti è nella storia di Renzi, non del M5S

"Abolizione del Cnel è uno zuccherino in una valanga di letame"

Di Maio: Togliere diritti è nella storia di Renzi, non del M5S

"Dire No sarebbe contro la nostra storia? Io penso che quando si chiede ai cittadini 'a te va bene perdi il diritto di votare il Senato' tutti mi dicono no, lo stesso per l'immunità parlamentare. Renzi ha fatto ad esempio la riforma delle province o delle città metropolitane, senza poter più votare, ha fatto l'Italicum con i capilista bloccati Togliere i diritti è nella storia di Matteo Renzi, non delle nostra". Lo ha detto Luigi Di Maio del M5S  a Radio Monte Carlo. "Si tolgono diritti alla persone e si aggiungono ai politici", ha aggiunto.

"L'abolizione del Cnel è uno zuccherino in una valanga di letame che è questa riforma, è uno di quegli enti inutili. I costi finora però sono stati molto più alti di quelli che risparmieremo con la riforma. Di certo noi siamo in prima linea per abolire gli enti inutili". 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ballottaggi, Fratoianni (Si): Una Caporetto per il Pd di Renzi

Ballottaggi, Fratoianni (Si): Una Caporetto per il Pd di Renzi

"Noi lavoriamo ad una proposta politica chiara e di netta discontinuità"

Berlusconi: Pronto ad assumermi responsabilità del cambiamento

Berlusconi: Pronto a responsabilità e a nuova sfida di governo

"Centrodestra è prima coalizione, sia unito lo chiedono gli italiani"

Berlusconi stravince come il 'diavolo' di Baudelaire

ANALISI Berlusconi stravince come il 'diavolo' di Baudelaire

Prima ha fatto dimenticare se stesso poi ha riaperto un dialogo con il Paese: il modello Toti si può riprodurre a livello nazionale?