Martedì 27 Settembre 2016 - 06:30

Colombia, Farc e Santos firmano uno storico accordo di pace

Dopo 52 anni fine alla guerra civile in cui sono morte 250mila persone

Colombia, Farc e Santos firmano uno storico accordo di pace

Il governo dela Colombia e il gruppo ribelle marxista delle Farc hanno firmato un accordo di pace per concludere una guerra che va avanti da 52 anni e ha causato la morte di 250mila persone. Dopo quattro anni di colloqui di pace a Cuba, il presidente Juan Manuel Santos, 65anni, e capo dei ribelli "Timochenko" - il nome di battaglia del 57enne Rodrigo Londoño - si sono calorosamente stretti la mano sul suolo colombiano per la prima volta e hanno firmato l'accordo con una penna ricavata da un bossolo. 

Per sottoscrivere l'accordo è stata scelta una penna fatta con un proiettile, simbolo delle violenze che hanno insanguinato il Paese per oltre mezzo secolo. "Firmeremo con una penna-proiettile, per simbolizzare la transizione dei proiettili in educazione e futuro", aveva commentato ieri  Santos, che su questo accordo ha puntato tantissimo e messo in gioco la sua reputazione. L'intesa dovrà poi essere ratificata nel referendum popolare del 2 ottobre, ma secondo i sondaggi sarà approvata senza difficoltà.

L'accordo mette fine al più duraturo conflitto dell'America latina e trasformerà le Farc in un partito politico. Ad assistere alla storica svolta nella città coloniale circa 2.500 dignitari stranieri e locali, tra cui il segretario generale delle Nazioni unite Ban Ki-moon, il presidente cubano Raul Castro, il segretario di Stato americano John Kerry, oltre a numerose vittime del conflitto.  Kerry, durante una visita a un centro per le vittime del conflitto, per ex combattenti e giovani, ha elogiato il patto: "Chiunque può imbracciare un'arma, far esplodere cose, ferire altra gente, ma questo non porta da nessuna parte. La pace è un duro lavoro". Il dipartimento di Stato americano ha promesso 390 milioni di dollari alla Colombia il prossimo anno, a sostegno del processo di pace. Kerry ha anche sottolineato che Washington, una volta che l'accordo sarà applicato, potrà rimuovere le Farc dalla lista nera dei gruppi terroristici.

Tuttavia, oltre a sollievo e speranza, l'accordo ha causato anche divisione nel Paese. Alcuni esponenti politici, tra i quali il potente ex presidente Alvaro Uribe, criticano il fatto che esso permetta ai ribelli di entrare al Congresso senza scontare alcuna pena carceraria. Mentre enormi cartelloni a Cartagena invitano i colombiani a votare 'sì' al referendum del 2 ottobre, Uribe ha quindi guidato centinaia di persone con ombrelli dei colori della bandiera nazionale, per invitare la popolazione a votare 'no'.
 

Scritto da 
  • redazione
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

A U.S. B52 plane is pictured during Exercise Eager Lion at the Jordan-Saudi Arabia border

Nord Corea, sale la tensione: Usa verso allerta bombardieri nucleari B52

I media americani: è la prima volta dai tempi della Guerra Fredda

Mosca, accoltellata una giornalista durante irruzione nella redazione di Ekho Moskvy

Russia, conduttrice accoltellata in radio: fermato l'aggressore

Tatyana Felgengauer colpita al collo, non è in pericolo di vita. Non è chiaro il movente dell'assalitore

Elezioni In Argentina

Argentina, Macri vince le legislative. A Fernandez un seggio in Senato

Nelle elezioni di midterm il presidente in carica si rafforza