Martedì 22 Marzo 2016 - 12:00

Bruxelles, Facebook attiva 'Safety check' come dopo attacchi Parigi

La funzione consente di informare i propri contatti che si è al sicuro

Bruxelles, Facebook attiva 'Safety check' come dopo attacchi Parigi

 Facebook ha attivato la funzione 'Safety check' in Belgio, in seguito agli attacchi terroristici avvenuti all'aeroporto Zaventem e alla stazione della metropolitana di Maelbeek a Bruxelles. La funzione riconosce se gli utenti di Facebook si trovano nell'area degli attacchi e permette loro di cliccare un pulsante che informa tutti i contatti di essere al sicuro. Questo strumento era già stato attivato in occasione degli attacchi di Parigi del 13 novembre 2015, ed era stata usata da circa cinque milioni di persone.  Per il momento, riferisce il quotidiano Le Soir, il Safety check è attivo solo per la regione di Bruxelles, e non per quella in cui sorge l'aeroporto, situato a 14 chilometri dal centro della capitale belga. Il Safety check venne attivato per la prima volta nell'aprile del 2015, in occasione del terremoto in Nepal. Nel caso degli attacchi di Parigi, fu il primo utilizzo per cause non legate a un disastro naturale.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Catalogna, Puigdemont sospende l'indipendenza e apre ai negoziati Madrid

Catalogna, carcere ai leader indipendentisti Sanchez e Cuixart

Puigdemont: Sono detenuti politici. Il governatore glissa su indipendenza, ma Rajoy non ci sta

Malta, giornalista uccisa in esplosione auto. Premier: Voglio giustizia

Stava guidando verso Mosta quando l'auto è esplosa, la donna è morta sul colpo

Iraq, le forze di Baghdad prendono il controllo di Kirkuk: via bandiera curda

Iraq, le forze di Baghdad prendono il controllo di Kirkuk: via bandiera curda

I peshmerga: "Il governo pagherà un prezzo alto per aver fatto la guerra al nostro popolo"

Madrid, udienza per il comandante dei Mossos d'Esquadra catalani

Catalogna, procura chiede il carcere per il capo dei Mossos d'Esquadra

Josep Lluis Trapero è indagato per sedizione assieme all'intendente Teresa Laplana