Martedì 22 Marzo 2016 - 12:00

Bruxelles, Facebook attiva 'Safety check' come dopo attacchi Parigi

La funzione consente di informare i propri contatti che si è al sicuro

Bruxelles, Facebook attiva 'Safety check' come dopo attacchi Parigi

 Facebook ha attivato la funzione 'Safety check' in Belgio, in seguito agli attacchi terroristici avvenuti all'aeroporto Zaventem e alla stazione della metropolitana di Maelbeek a Bruxelles. La funzione riconosce se gli utenti di Facebook si trovano nell'area degli attacchi e permette loro di cliccare un pulsante che informa tutti i contatti di essere al sicuro. Questo strumento era già stato attivato in occasione degli attacchi di Parigi del 13 novembre 2015, ed era stata usata da circa cinque milioni di persone.  Per il momento, riferisce il quotidiano Le Soir, il Safety check è attivo solo per la regione di Bruxelles, e non per quella in cui sorge l'aeroporto, situato a 14 chilometri dal centro della capitale belga. Il Safety check venne attivato per la prima volta nell'aprile del 2015, in occasione del terremoto in Nepal. Nel caso degli attacchi di Parigi, fu il primo utilizzo per cause non legate a un disastro naturale.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Siria, gli Stati Uniti vicini a sospendere la collaborazione con la Russia

Siria, gli Stati Uniti vicini a sospendere la collaborazione con la Russia

Tensione massima dopo i raid su Aleppo dell'esercito siriano, sostenuto da Mosca. Damasco nega: Non bombardiamo i civili

Treno deraglia in stazione in New Jersey: un morto e 100 feriti

Treno deraglia in stazione in New Jersey: un morto e 100 feriti

Schianto davanti a Manhattan, crollato parte del tetto che copre i binari ferroviari

Cybertech, chi sono gli italiani che conquistano il mondo

Cybertech, chi sono gli italiani che conquistano il mondo

Tre storie di imprese di successo nel campo della sicurezza digitale

Londra, aumento prezzi e crisi alloggi: ancora bufera su Airbnb

Londra, aumento prezzi e crisi alloggi: ancora bufera su Airbnb

L'azienda respinge le accuse: "Rincaro non dipende da noi"