Martedì 04 Ottobre 2016 - 08:15

Banche, Padoan: Facilitiamo, ma non ci sostituiamo ai privati

"Non c'è alcuna interferenza nell'autonomia dei soggetti privati"

Banche, Padoan: Facilitiamo, ma non ci sostituiamo ai privati

"Quando il mercato stenta a mobilitarsi in vista di un interesse comune, il Governo non intende sostituirsi all'iniziativa privata ma può fungere da facilitatore". Così Pier Carlo Padoan, in una lettera a 'il Corriere della Sera' in cui analizza le scelte del Governo nella crisi delle banche. "Non c'è alcuna interferenza dei poteri pubblici nell'autonomia dei soggetti privati" garantisce Padoan. Laddove lo Stato è azionista, ovvero in Mps di cui il tesoro detiene il 4%, "questo ruolo viene esercitato dal governo in modo prudente, fornendo un sostegno vigile all'attuazione efficace dei piani elaborati dall'azienda". Nel settore bancario l'unica partecipazione è in Mps, prosgue Padoan "e il comportamento del governo nel caso particolare è stato coerente con il modello generale: la banca ha presentato alla Bce le linee guida di un piano valido, convincente, nel quale il consiglio d'amministrazione crede e che gode del sostegno dell'azionista principale".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Daniela Santanchè e Dimitri D?Asburgo Lorena al mare a Forte dei Marmi

Mille euro al dì per il Gazebo. A Pietrasanta la spiaggia più cara

Il Codacons realizza la classifica annuale degli stabilimenti balneari più costosi. Vince il Twiga di Briatore

Sfilata di Dolce e Gabbana in Piazza pretoria a Palermo

Moda, alimentare, automazione. Così vola il saldo commerciale italiano

Sono i quattro settori che continuano a tirare. Nel 2016 hanno generato 121,6 miliardi di attivo

Ministero dell'Economia - Conferenza sui recenti sviluppi del settore bancario

Ripresa italiana "più robusta". Il Pil 2017 crescerà dell'1,2/1,3%

La nota congiunturale dell'Ufficio parlamentare di Bilancio. Meglio delle ipotesi di primavera

Bce, non cambia Qe. Draghi: Possibili novità in autunno

Bce, Qe resta invariato. Draghi: Possibili novità in autunno

Confermati gli acquisti netti di attività all'attuale ritmo mensile di 60 miliardi di euro, "sino alla fine di dicembre 2017 o anche oltre se necessario"