Poche ore prima era stata approvata per l'imprenditore 75enne l'estradizione negli Stati Uniti

Il creatore di software antivirus McAfee, John McAfee, è stato trovato morto in una prigione spagnola poche ore dopo che il tribunale ha approvato la sua estradizione negli Stati Uniti. L’imprenditore si sarebbe tolto la vita nel carcere di Sant Esteve de Sesrovires (Barcellona), secondo fonti di polizia citate da ‘El Pais’. 

 Il tribunale nazionale spagnolo aveva approvato l’estradizione dell’imprenditore negli Stati Uniti, dove è ricercato con accuse penali di natura fiscale che comportano una pena detentiva fino a 30 anni. La decisione poteva essere impugnata e l’estradizione finale dovrà essere approvata dal governo spagnolo.

Le accuse di evasione fiscale

I pubblici ministeri del Tennessee hanno accusato il 75enne McAfee di evasione fiscale per aver omesso di segnalare i proventi derivanti dalla promozione di criptovalute mentre svolgeva attività di consulenza, nonché i proventi derivanti da impegni linguistici e dalla vendita dei diritti sulla storia della sua vita per un documentario. Le accuse si riferiscono ai tre anni fiscali dal 2016 al 2018.

L’imprenditore è stato arrestato lo scorso ottobre all’aeroporto internazionale di Barcellona. Un giudice aveva disposto che McAfee fosse tenuto in carcere in attesa dell’esito dell’udienza sull’estradizione. In un’udienza tenutasi tramite videolink all’inizio di questo mese, McAfee ha sostenuto che le accuse contro di lui fossero motivate a livello politico e ha affermato che avrebbe trascorso il resto della sua vita in prigione se fosse tornato negli Stati Uniti.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata

Tag:,