Milano, 10 mag. (LaPresse) – Multa da 2,8 milioni di euro alla compagnia aerea EasyJet da parte dell’Antitrust per pratiche commerciali scorrette. Lo ha deciso l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, come emerge dal Bollettino della stessa, per aver proceduto – tra le altre pratiche individuate – a cancellare “poco prima della programmata partenza i servizi di trasporto aereo, motivando tali cancellazioni con il verificarsi di ‘situazioni al di fuori del nostro controllo’ e fornendo informazioni lacunose e ambigue sulla soppressione dei voli, in particolare giustificando tale cancellazione con motivi legati alle restrizioni alla circolazione inerenti all’emergenza”. La compagnia avrebbe inoltre aver fornito informazioni “ingannevoli” sui diritti spettanti ai passeggeri in caso di cancellazione, omettendo di prospettare “in modo prioritario l’alternativa tra un nuovo volo e il rimborso in denaro” e prospettando “prioritariamente l’emissione un voucher”. Anche successivamente, si legge nel Bollettino, EasyJet avrebbe “creato difficoltà all’utilizzo del credito rappresentato dal voucher”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata