Roma, 21 mar. (LaPresse) – “Credo che si rischia di fare rapidamente tutto i lterreno che si era guadagnato sull’inclusione delle donne nel mondo del lavoro. Una delle risposte è la piena attuazione del Codice per le pari opportunità, il cui articolo 27 impedisce ai datori di lavoro di fare domande personali. Quella è una risposta decisiva ai fini dell’assunzione della donna. Il tema non è solo fare più controlli, ma studiare meccanismi di piattaforme anonime in cui denunciare chi viola questa regola”. Lo dice il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, intervenendo al livestreaming organizzato da Le Contemporanee, Fuori Quota, Soroptimist International Italia e Rappresentanza della Commissione europea in Italia. “E’ mia attenzione riattivare la rete delle consigliere di parità”, aggiunge. Inoltre, “avere degli standard unici, dei livelli essenziali è una risposta potente”, ma “questi livelli vanno misurati”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata